Gruppo Micologico e Naturalistico Lucchese “Benedetto Puccinelli” organizza, a partire da martedì 12 febbraio, quattro serate di micologia di base con suggerimenti pratici per riconoscere fra i funghi più comuni le specie commestibili e quelle tossiche. Gli incontri si  terranno presso la sede del Circolo Anziani in via Urbiciani 380 a S. Concordio con orario 21.15-22.30.

 

 

 

 

 

 

Il programma prevede, martedì 12 febbraio: i prataioli e le mazze di tamburo; martedì 19 febbraio: le rosselle e le colombine; martedì 26 febbraio: le amanite e martedì 5  marzo: i porcini, i leccini e i pinacci. Gli appuntamenti micologici sono ad ingresso libero e gratuito.

 

 

 

Per informazioni telefonare ai numeri: 348.1746572 o 329.5825059.

 

 

Inoltre il Gruppo Micologico e Naturalistico Lucchese “Benedetto Puccinelli”, lo scorso 31 gennaio ha rinnovato il proprio consiglio direttivo che avrà la durata nel biennio 2019-2020. Sono risultati eletti nelle varie cariche, presidente: Paolo Bovi Campeggi, vicepresidente: Luciano Vannucci, segretario: Ettore Benedetti, consiglieri: Giancarlo Bianucci, Paolo Crincoli, Graziano Di Giuseppe, Angelo Lippi, Mauro Morelli, Alberto Tessa. Invece per altri incarichi quali, tesoriere: Roberto Dei, coordinatore sezione Garfagnana: Ettore Benedetti, coordinatore sezione fotografica: Paolo Crincoli; sono state istituite due commissioni/gruppi di lavoro composte dai membri, per la commissione scientifica: Giancarlo Bianucci, Graziano Di Giuseppe, Angelo Lippi e Alberto Tessa, per il gruppo di lavoro censimento micologico: Paolo Crincoli, Mauro Morelli e Luciano Vannucci.

Infine ricordiamo che il Gruppo Micologico e Naturalistico Lucchese “Benedetto Puccinelli” è una associazione di volontariato nata nel 1985 e con sede a Lucca e dal 2005 ha attivato una sezione a Castelnuovo di  Garfagnana. Le sue finalità sono la collaborazione con le istituzioni al fine di garantire la massima informazione ai cittadini sugli aspetti normativi, igienico-tossicologici e sulla tutela dell’ambiente in rapporto allo sviluppo dei funghi epigei anche mediante l’organizzazione di corsi di informazione ed educazione rivolti ai raccoglitori.

 

Share