GRIGLIATA DI TRIGLIE, ACCIUGHE, SARDINE

questa ricetta è adattissima a farsi nelle scampagnate infilzando i pesci su un bastoncino ma a casa la griglia è la più adatta e per chi non ce l’ha c’è sempre la vecchia teglia e i bastoncini lunghi a rimediare.
Pulite e sventrate i pesci, disponeteli in una gratella di quelle che si accoppiano altrimenti i pesci nel girarli si romperebbero, i pesci, come fanno i pescatori, andrebbero lavati con acqua di mare e non andrebbero salati.

Mettete la gratella sulle braci coperte da un velo di cenere per attenuare il calore, spennellateli con un ramo di rosmarino intinto in una soluzione di pepe, olio, un goccio di aceto e un goccio di acqua di mare, basta cuocerli tre minuti per parte e vanno serviti caldissimi con contorno di insalatina giovane e vino bianco ghiaccio, magari con le bollicine.

Come ho detto i pescatori lavano i pesci con acqua di mare e non salano, se non l’avete il solito pizzico di sale rimedia a tutto.
fonte ezio lucchesi

Share