Grande successo per il Veglione di fine anno al Giglio organizzato dal Puccini e la sua Lucca Festival

Anche il Vescovo Paolo Giulietti saluta dal palcoscenico del teatro 

Una serata che ha ampiamente rispettato le aspettative: il Veglione di fine anno al Teatro del Giglio – organizzato dal Puccini e la sua Lucca Festival – si traduce in un grande successo di pubblico. Un evento all’insegna della cultura, del buon cibo e della musica dei più grandi, a partire – ovviamente – dal “padrone di casa”, il Maestro Giacomo Puccini. E con una visita estremamente gradita, quella dell’Arcivescovo di Lucca, Monsignor Paolo Giulietti, che è salito sul palco del Giglio insieme ad Andrea Colombini – Direttore artistico e Presidente del Puccini e la sua Lucca Festival – per inviare il suo messaggio in vista del nuovo anno al pubblico.

“Siamo particolarmente lieti del risultato di quest’anno – commenta Andrea Colombini – perché abbiamo avuto tantissima gente, per una grandissima serata di musica. Grande gioia ed orgoglio, naturalmente, anche per la presenza di sua Eccellenza l’Arcivescovo di Lucca”. Il messaggio della massima guida spirituale della città è stato chiaro e dirompente allo stesso tempo: “Auguro a tutti – ha detto il Vescovo – di poter entrare in un 2020 di pace e serenità da cogliere attraverso l’arte”. Un’indicazione che è stata ampiamente seguita dal Festival, che ha dedicato a Mons. Paolo Giulietti la splendida Amazing Grace, con le cornamuse delle Guardie Scozzesi e la tromba di Raffaele Chieri, accompagnati dall’Orchestra Filarmonica di Lucca. “Il tutto – prosegue Colombini – nel mio arrangiamento personale. Un inno religioso bellissimo: è stata per me una grande gioia, anche perché ho visto che l’arcivescovo lo conosceva molto bene. Non possiamo che essere soddisfatti – precisa – dal fatto che abbia presenziato all’evento più importante ed elegante della città per il 31 dicembre”.

 

 

 

 

 

 

Tornando sul risultato della serata, Colombini aggiunge: “Non potremmo essere più felici, è stato uno spettacolo grandioso che ha confermato la fama del nostro Festival che, senza costare un euro di soldi pubblici ha fornito un grande intrattenimento alla città di Lucca”. Un successo colto, evidenzia ancora il Presidente e Direttore artistico del Festival, “grazie alla nostra organizzazione ed alla nostra biglietteria. Un grande lavoro, gratificato da un’enorme quantità di pubblico, composto anche da molte persone provenienti da fuori città, arrivate appositamente per trascorrere il Capodanno con noi”.

Il conto alla rovescia è stato scandito, dalle 21 in poi, da un susseguirsi di momenti di grande impatto. A cominciare dal delizioso cenone organizzato da Lazzaroni Catering. Quindi ecco alternarsi sul palco la Terzo Tempo Swing Orchestra che, diretta da M. Barsotti, ha aperto la serata con il concerto Dallo swing a MorriconeLa scena è stata poi conquistata dalla Papillon Vintage Band, che ha trasportato  gli spettatori nelle rarefatte atmosfere dello Swing italiano anni 30, 40 e 50, da Natalino Otto a Fred Buscaglione, passando per Angelini e Carosone.

Un crescendo irresistibile – con il pubblico estremamente coinvolto e partecipe fin da subito – che ha toccato il suo apice a ridosso della mezzanotte, quando sul palco è salita l’Orchestra Filarmonica di Lucca diretta da Andrea Colombini per il concerto Grande musica per un gran 2020. In scena ecco musiche del Maestro Giacomo Puccini, ma anche di Strauss Jr e Sr, Verdi, Mozart, Sibelius, Fauré, Brahms, Berlioz e Rossini. Il tutto, unito all’incredibile spettacolo delle marce e musiche tradizionali scozzesi per cornamusa e orchestra, grazie al ritorno a Lucca, in anteprima assoluta, delle Scots Guards con le loro cornamuse: il maggiore (Pipe Major) Andy Raid e Lsrg Damian Ligh, del primo battaglione delle Guardie reali scozzesi.

Applausi a scena aperta anche per i solisti del Festival: i soprani Diana Kirienko e Deborah Vincenti, il tenore Giovanni Cervelli e, alla tromba, Raffaele Chieli,nonché per il presentatore della serata, Meme Lucarelli.

L’evento è stato sponsorizzata dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca, dall’Orchestra Filarmonica di Lucca ed ha goduto del patrocinio di Comune e Provincia di Lucca, Enti ai quali vanno sentiti ringraziamenti da parte del Festival.

Share