Bella e significativa la ciclopedalata che si è svolta ieri mattina sulle strade della Versilia.
Un centinaio di ciclisti hanno sfidato il tempo e si sono trovati a Seravezza, puntuali, per partire e portare il messaggio delle 4S: sport salute solidarietà e spiritualità; quel messaggio di speranza che l’Associazione Ancora in Viaggio ha ereditato dal ciclista, diabetico insulino dipendente, Mauro Talini di Massarosa.

Il gruppo, preceduto da una ventina di Vespe dell’Ass. Vespa Club Versilia Storica, dopo il saluto del primo cittadino di Seravezza il sindaco Riccardo Tarabella e la benedizione del Parroco, Don Luca Volpi, ha iniziato a pedalare verso Forte dei Marmi per fare una breve sosta davanti a CICLI MAGGI, un’eccellenza nel campo della bici, che in questa occasione ha voluto fare una donazione per i progetti di Ancora in viaggio.

Momento davvero emozionante l’arrivo in Piazza Talini, a Quiesa, dove ad aspettare e ad accogliere il gruppo, al suono della Banda Filarmonica G.Pacini e al gruppo folcloristico la Sorgente, c’erano tante persone: diversi giovani della Parrocchia di Carignano, dell’Istituto Comprensivo Massarosa 1, amici, volontari. Nella piazza erano esposti i bellissimi cartelloni realizzati dai ragazzi, con la Piramide alimentare ed un gioco educativo. Era presente l’Associazione A.GI.DA di Massa, con materiale informativo sul diabete e con personale specializzato ad effettuare gli stick per il controllo della glicemia.

Marco Manfredini, speaker della manifestazione, ha poi introdotto i saluti istituzionali dell’amministrazione comunale di Massarosa effettuati dal consigliere delegato allo Sport Raffaello Giannini e dall’Assessore Stefano Natali, sottolineando che sempre hanno creduto nei valori che Mauro portava pedalando e che, ora, l’ Associazione continua a portare.

Coinvolgente è stata la presentazione del progetto educativo effettuato nell’Istituto Comprensivo Massarosa 1. Marta Graziani, Missionaria Padre Kolbe e poi a seguire la Dirigente Primetta Bertolozzi hanno confermato l’importanza di educare e trasmettere alle nuove generazioni sia il ricordo e la memoria di Mauro Talini, soprattutto il suo messaggio.
I diversi ragazzi presenti, insieme alle insegnanti, hanno poi letto i “Tweet” da loro preparati e lanciato 15 palloncini biodegradabili con messaggi di speranza.

Infine, con l’Inno Nazionale suonato dalla Banda, sono stati consegnati alcuni riconoscimenti ai ciclisti. Salutando e ringraziando tutti i convenuti, Marco ha concluso dicendo:
“Sì! Insieme, tutti: ragazzi, giovani adulti … per portare e mandare messaggi di speranza, oltre i confini del nostro territorio e …in tutto il mondo!
Ancora in viaggio, sempre.

Arrivederci al prossimo anno!

Share