Cerimonia significativa, oggi, sabato, alle 16, nella sala riunioni della Banca Versilia, Lunigiana e Garfagnana, nella sede di Gramolazzo. Si tratta di un appuntamento diventato un classico che valorizza, tra l’altro, l’impegno scolastico e l’educazione dei giovani al risparmio e all’investimento. Sulla giornata  chiediamo più dettagli al  responsabile dell’Area territoriale Garfagnana, ragionier Sergio Canozzi (FOTO).  

Cosa significa per la Banca  la festa del socio e la consegna delle borse di studio 2016?

 “Rappresenta il momento  per ricordare il nostro impegno con i soci e con il territorio. La nostra banca è fortemente legata alle persone e alla comunità e ogni anno questo appuntamento è fortemente sentito da tutti i  soci. Importante è aver legato con un filo invisibile i soci all’impegno dei ragazzi con la premiazione delle borse di studio nella stessa giornata”. 

 Oltre l’impegno degli studenti  vengono premiate anche le eccellenze sul territorio? 

“Questa è una delle novità degli ultimi due anni. La premiazione delle eccellenze sul territorio quest’anno ci porta a premiare Bruno Ambrosini Nobili, imprenditore che ha creato valore per la Garfagnana. L’impegno e la volontà di creare valore per il territorio sono due aspetti che vogliamo fortemente veicolare verso i giovani. L’impegno di questi ragazzi  nello studio deve trasformarsi poi  in impegno verso il territorio e la comunità”.

Quest’anno arrivano in Garfagnana oltre 50  borse di studio,  328  e  quasi 85mila euro in totale per le tre province. Qual è il messaggio che la banca vuole trasmettere ai giovani e alle famiglie del territorio?

 “Abbiamo aumentato il numero di ragazzi premiati ed il plafond destinato all’iniziativa. Questo perché la nostra banca è solida e chiuderà con ottimi risultati anche l’esercizio 2016.  Il nostro Cet1 ratio, l’indice semestrale utilizzato per capire la solidità di una banca, è aumentato ancora e arrivato al 18,40% . I nostri bilanci ci permettono di erogare queste borse di studio e stare vicino al territorio tramite la sponsorizzazione e la beneficenza. Un impegno che abbiamo preso per stare a fianco alle esigenze del territorio, creando valore per giovani, famiglie e per tutta la comunità”. Questi i premiati:  “Eccellenza 2016” per l’area Garfagnana all’imprenditore Bruno Ambrosini Nobili di Piazza al Serchio. Infine gli alunni premiati. Classe terza media: Marco Bacci, Anna Biagioni, Elisa Biagioni, Elena Bonini, Tommaso Casotti, Christian Castelli, Elisa Collini, Rebecca Diversi, Francesco Fabbri, Chiara Giambelli, Federica Giannoni, Erica Giorgi, Marta Luccarini, Federico Luccarini, Matteo Morotti, Matteo Pellegrini, Vittoria Poli, Emma Rigali, Elisa Romei, Veronica Simonini, Irene Virgili.  Classe 1°superiore: Benedetta Andreucci, Marco Ciani, Jennifer Da Prato, Mariachiara Daddoveri, Vanessa Poli, Christian Poli, Alice Tortelli, Lara Triti. Classe 2° superiore: Nicola Bernardi, Letizia Bravi, Giulia Daddoveri, Niccolò Giannetti, Ilenia Suffredini. Classe 3° superiore: Federico Bertoli, Rebecca Coiai, Francesco Daddoveri, Andrea Fanani, Alessandro Poli, Agnese Rigali. Classe 4° superiore: Elena Biagioni, Luca Cecconi, Gian Marco Comparini, Tommaso Pellegrinetti, Matteo Pioli, Rachele Porta. Diploma di maturità: Chiara Biagioni, Felix Nicolae Bucsa, Klaudia Caushi, Nicolò Giusti, Andrea Mattei, Andrea Mattei, Matilde Pellegrinetti, Elena Pellinacci, Gaia Pieri, Gianluca Regoli, Alessandro Rossi, Michela Salvemini. “Bvlg- spiega il presidente Enzo Stamati- continua il suo percorso vicino agli studenti premiando i giovani che si sono distinti nello studio. La volontà di premiare il merito significa per noi educare le nuove generazioni all’impegno. Tramite l’impegno è possibile fare crescere la propria comunità affinché i ragazzi di oggi possano diventare buoni cittadini domani”. Il direttore  Paolo Pelliccioni: “Il nostro impegno a “fabbricare fiducia” continua anche con questo progetto. Ben 328 borse di studio per quasi 85.000 erogati. A dimostrazione dell’impegno della nostra banca sul territorio. Ancora una volta vogliamo dimostrare la nostra vicinanza alle famiglie e ai giovani, premiando coloro che dimostrano di “lavorare sodo” tramite gli ottimi risultati conseguiti negli studi”.  Dino Magistrelli

Share