Una ricetta estiva. Gli spaghetti alle arselle alla viareggina

Arselle alla viareggina

Voi sapete qual ‘è una delle più grandi fortune dell’essere umano?  Avere degli Amici. Se poi, hanno la passione per la cucina, come la mia amica Veronica…ancora meglio!

Senza indugiare oltre, passo subito la linea alla mia amica che oggi ci delizierà con una ricetta estiva e molto toscana, o meglio “viareggina”.

https://www.destinazionetoscana.it/spaghetti-alle-arselle/

Destinazione Toscana ricette

Gli spaghetti alle arselle alla viareggina. La ricetta della mia amica Veronica

Partiamo da qui : estate, sole, caldo, mare. Cenetta in un bel ristorantino sulla spiaggia al tramonto, due calici di vino bianco ghiacciato che tintinnano in un brindisi pieno di promesse…sì, sono una romanticona!

Alla fine il cibo si lega sempre molto alle emozioni, anzi, diciamo la verità: il cibo è emozione!

Ma torniamo alla nostra immagine da sogno. C’è tutto, come dicevamo, l’atmosfera è perfetta…e nel piatto?

Per me un delizioso “spaghettino” alle arselle!

arselle alla viareggina

Le arselle

Le arselle, conosciute anche come telline, sono piccoli molluschi molto saporiti che vengono pescati sotto la sabbia.

A Viareggio, la mia città, non esiste ristorante che non serva questo gustoso primo piatto, è un must della nostra cucina, tipicamente marinara.

Lo si trova cucinato nella versione “con” o “senza guscio”: personalmente preferisco di gran lunga quest’ultima (lo “sgusciamento” richiede tempo e pazienza!), in cui il mollusco si lega alla perfezione con la pasta, sprigionando tutto il suo sapore.

Ma veniamo alla ricetta.

Arselle alla viareggina. Ricetta per due

  • Arselle : circa 1 kg con i gusci, si estrarranno all’incirca 1,5 hg di animelle;
  • Spaghetti : 180 gr.
  • Prezzemolo
  • Aglio 2 spicchi
  • Peperoncino
  • Vino bianco
  • Olio extravergine d’oliva
  • Acqua

arselle alla viareggina

Arselle alla viareggina. Come procedo

In una pentola metto a scaldare due cucchiai di olio evo, l’aglio (generalmente schiaccio uno dei due spicchi e l’altro lo trito finemente) e il peperoncino, faccio insaporire e poi unisco le arselle e lascio andare a fuoco medio per qualche minuto; sfumo con 2 dita di vino bianco, aggiungo un pochino della loro acqua (basta un cucchiaio) e lascio cuocere per qualche altro minuto.

Nel frattempo metto a lessare l’acqua per la pasta (spaghetti, linguine, bavette sono il genere di pasta lunga che si sposa alla perfezione con questo sugo!), la scolo leggermente al dente, prelevo un mestolo di acqua di cottura e la mescolo al “sughetto”, unisco la pasta e faccio insaporire bene.

Cospargo di prezzemolo fresco tritato e…buon appetito! Le arselle alla viareggina sono servite!

arselle alla viareggina  arselle alla viareggina

Arselle alla viareggina. Il procedimento per “spurgare” le arselle

In una zuppiera molto larga posizionare al centro un piatto, rovesciarvi le arselle con i gusci chiusi e ricoprire con acqua fredda e sale grosso (1 cucchiaio e mezzo ogni litro d’acqua); lasciar riposare in luogo fresco (o in frigo) per qualche ora. Se nel frattempo si nota che sul fondo della zuppiera si deposita troppa sabbia, è meglio ripetere l’operazione qualche volta, almeno fino a che l’acqua non risulti limpida.

Durante questa fase le arselle si apriranno leggermente, “affacciandosi “ con le loro corna dal guscio e spurgando la sabbia. Trasferire con un mestolo le arselle dentro una pentola, mettere il coperchio e farle aprire a fuoco vivace (basterà 1 minuto/1 minuto e mezzo), mescolando con un cucchiaio di legno.

Spegnere e scartare le arselle che non si sono aperte. A questo punto possiamo fermarci qui e procedere con la ricetta (e quindi preparare il “sughetto” con i gusci), oppure farle raffreddare, armarci di tanta pazienza e metterci lì a sgusciare le nostre arselle una per una.

Consiglio

L’acqua che viene rilasciata in fase di apertura può essere filtrata e aggiunta al sugo per dare più sapore

Share