Giornata di pulizia nelle oasi di Bottaccio, Tanali e Gherardesca: tra i rifiuti spunta anche un frigorifero

Piana lucchese – Intensa mattina di lavoro all’aria aperta all’insegna della cura dell’ambiente e delle nostre belle aree naturali, con i volontari delle associazioni ambientaliste, aiutati da richiedenti asilo e migranti ospiti in strutture di accoglienza sul nostro territorio.

 

 

 

Con l’avvio della bella stagione è ripreso puntuale il progetto “Accoglienza e inserimento migranti: progetto aree umide”, promosso dal Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, assieme ai Comuni di Capannori e Bientina e alle associazioni ambientaliste “WWF Alta Toscana Onlus” e Legambiente (circoli di Capannori e Piana lucchese e Valdera). Il gruppo di volontari si è dedicato alle oasi di Bottaccio, Tanali e Gherardesca, sistemando sentieri e palizzate, tagliando i rovi cresciuti in eccesso, il tutto per tenere in ordine e facilmente fruibile dai visitatori le tre aree umide, sempre più apprezzate dai cittadini e veri scrigni di biodiversità.

 

 

 

 

 

 

Oltre a chi si è occupato dei lavori di manutenzione, c’è chi si è dedicato alla raccolta dei rifiuti. In particolare al Bottaccio il gruppo si è arricchito della presenza dei volontari richiamati dalla campagna di pulizia “Liberi dai rifiuti” promossa da Legambiente e Unicoop Firenze e, sorpresa di tutti, dai rovi è spuntato fuori addirittura un frigorifero.
“Dopo la pausa invernale, per il terzo anno consecutivo, abbiamo ripreso la collaborazione tra istituzioni, volontari e migranti, una collaborazione che si rivela ogni volta preziosa e grazie alla quale le nostre oasi sono più sicure, più pulite e più belle – dice il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – Il nostro Ente si occupa istituzionalmente alla manutenzione dei corsi d’acqua affluenti delle aree umide e con questo progetto contribuisce a valorizzare l’unicità ambientale di questa zona, importante polmone di bellezza e habitat privilegiato”.

 

 

“Amministrazioni, associazioni ambientali, volontari Coop ed immigrati, insieme per ripulire i luoghi del cuore e riflettere su quanto sia importante il rispetto dell’ambiente, soprattutto nelle aree a maggiore tutela ambientale – sottolinea l’assessore all’Ambiente del Comune di Bientina, Desiré Niccoli – Come amministrazione siamo orgogliosi che l’evento “Liberi dai rifiuti” promosso da Unicoop Firenze e Legambiente faccia tappa nella Riserva Regionale Bosco di Tanali e che si unisca all’attività di sensibilizzazione ambientale che da molti anni ci trova impegnati. Le giornate di volontariato ambientale, con guanti, sacchetti alla mano e tanta voglia di camminare sono l’occasione per riflettere sull’importanza del rispetto e la tutela del territorio”.

Share