GINESTRELLA COMUNE – OSIRIDE

Osyris alba L.
Famiglia: Santalaceae

Nome comune: ginestrella, osiride
Common name: osyris

Descrizione: pianta arbustiva, molto ramosa, dimensioni tra 30 e 150 cm di altezza. Fusti legnosi, ascendenti, prostrati o eretti, con corteccia grigio-verde striata. Foglie sessili, lineari lanceolate o subspatolate, in inverno numerose erette ed appressate, rade in primavera e caduche in estate. Fiori unisessuali, piccoli, di colore giallo-verdicci, maschili numerosi portati da brevi pedicelli e riuniti in piccole cime formanti lunghi racemi, femminili sessili, solitari o in pochi. Frutto a drupa sferica, 4-6 mm, prima verde poi rosso a maturità.

Habitat: cresce nell’intervallo altimetrico tra 0 e 1100 m s.l.m. Nella macchia mediterranea, al margine del bosco, lungo i sentieri.
Periodo di fioritura: Marzo-Giugno

Etimologia: Osiride antico Dio egizio è una delle possibilità accreditate, del resto con questo flessibile arbusto si realizzano canestri e gerle ma in passato anche imbarcazioni come le antiche navi fluviali del Nilo, simboli spirituali del passaggio all’altro mondo, regno di Osiride.

Per capri esistono antiche segnalazioni non confermate, servono ulteriori osservazioni.
Possibile confusione: anticamente questa pianta è stata usata per costruire scope.
La specie è quasi sempre confusa con le cosiddette ginestre.
In assenza di fiori, frutti e foglie è facile scambiarla per la:
Ginestra dei carbonai (Cytisus scoparius),

NATUROPATA MARCO PARDINI

Share