Garfagnana (Lu): Castiglione – i Campanili.

“Terra di lupi e di briganti”: così Ludovico Ariosto definì la Garfagnana dove arrivò nel 1522 come commissario estense. Il visitatore odierno, invece, resta affascinato proprio da questa selvatichezza che non si è arresa al cemento. La natura, qui, resiste con paesaggi severi, di contrasto: il borgo di Castiglione è murato e perduto tra i boschi, circondato dai monti: territorio di confine.
Il nome Castiglione viene da Castel-leone, Castrum Leonis, forse per il coraggio dimostrato dai liguri-apuani nella lotta di resistenza contro i romani. Il borgo fu dunque un castrum romano, prima di essere incastellato nel Medioevo. Lo stemma comunale porta il leone sul fondo rosso e bianco della Repubblica di Lucca, di cui Castiglione fu la più importante fortezza a difesa del confine con il ducato di Modena.

Share