Gare di tiro, cortei storici e sbandieratori; domenica 28 aprile Lucca celebra la festa della Libertà

LUCCA – Lucca si appresta a celebrare la festa della Libertà, cerimonia che ricorda la fine della dominazione pisana, l’8 aprile del 1369. E’ da quel lontano giorno che la parola “Libertas” ha iniziato a campeggiare sullo stemma bianco-rosso di Lucca.

– fontenoitv

Ancora oggi in occasione della commemorazione – che si celebra la Domenica in Albis (la domenica dopo Pasqua) – si svolgono eventi di rievocazione, ed gruppi storici lucchesi, in collaborazione con il Comune di Lucca, hanno preparato un ricco programma di appuntamenti. Le iniziative, previste per domenica 28 aprile sono state presentate presso la sede della Fondazione Banca del Monte.Si inizia la mattina alle 9.30 con il corteo composto dall’associazione Contrade San Paolino, gli sbandieratori della Contrada Sant’Anna in Piaggia e la Compagnia Balestrieri, che raggiungeranno insieme il Duomo di San Martino dove sarà celebrata la Messa.

Poi di fronte alla cattedrale i Balestrieri rievocheranno l’antica cerimonia dell’investitura dei Gonfalonieri di Terziere. Seguiranno le esibizioni degli sbandieratori dei Balestrieri e di Sant’Anna, accompagnati dai tamburini di San Paolino.

Nel pomeriggio, alle 15, ci saranno le gare di Tiro. In via Pattana a Pontetetto quella promossa dalle Contrade San Paolino e al campo di tiro del baluardo San Pietro, quella dei Balestrieri, entrambe con compagnie ospiti che arriveranno da fuori provincia.

Sempre nel pomeriggio gli Sbandieratori e Musici di Sant’Anna, insieme ai tamburini di San Paolino, sfileranno in corteo per arrivare  in piazza Napoleone dove, alle ore 15.30, ci sarà la parata di bandiere con l’esibizione degli under 18, alla quale parteciperanno sbandieratori provenienti anche da fuori regione.

In piazza Napoleone sarà presente anche un banco con il “Fiorino della Libertà” coniato per l’occasione dall’Antica Zecca di Lucca: il ricavato della vendita sarà devoluto in beneficenza.

Share