Gallicano ricorda Giuliano Guazzelli, il maresciallo ucciso dalla mafia

GALLICANO – Ogni anno la comunità di Gallicano dedica un’intera giornata al ricordo e alla commemorazione del Maresciallo dei Carabinieri Giuliano Guazzelli, nato a Gallicano e ucciso vicino ad Agrigento in un attentato mafioso, il 4 aprile del 1992.

– fontenoitv

Da quel giorno Gallicano ha sempre ricordato questa alta figura nel corso degli anni; tutte le amministrazioni che si sono susseguite hanno sempre prestato massima attenzione ad un uomo che ha lasciato una grande traccia a livello nazionale. Da alcuni anni il ricordo del maresciallo avviene anche per mezzo di uno spettacolo teatrale e musicale che si svolge all’interno della Sala Guazzelli , un auditorium intitolato proprio a Giuliano Guazzelli.

E’ stato il sindaco di Gallicano David saisi ad aprire l’incontro davanti ad un pubblico molto numeroso con moltissimi giovani studenti. Dopo aver ringraziato le associazioni “Libera” e “Tutti per uno” c’è stato il saluto di Giancarlo Guazzelli, figlio del maresciallo ucciso, che ogni anno è presente al ricordo del padre. L’arma dei carabinieri era rappresentata dal maggiore Giorgio Picchiotti con il M°llo Nastase comandante della locale stazione oltre a rappresentanti di altri corpi militari. Prima dell’inizio dello spettacolo anche il saluto del procuratore della repubblica di Lucca Pietro Suchan che ha ricordato a tutti i ragazzi presenti in sala quanto sia importante la memoria.

poi lo spettacolo dal titolo Non c’è futuro senza memoria: con il coinvolgimento delle scuole del territorio. E’ stato affidato agli studenti il compito di narrare 4 storie di giovani vittime della mafia intervallate da brani musicali eseguiti dal vivo dai componenti dell’Associazione Tutti per Uno.

Share