Gallicano, caso covid in Rsa; Marchetti (FI): «Isolare subito tutto

 

 

Dopo la strage di anziani dei mesi scorsi nessuna sottovalutazione»

 

Il Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti incalza Regione e Asl «Questo è un virus nuovo, il decorso può presentare sorprese. Guardia alta»

 

«Dopo la strage di anziani che purtroppo anche in Toscana si è consumata nelle case di riposo tra cui proprio quella di Gallicano, sarebbe inaccettabile assistere a sottovalutazioni sul nuovo caso covid positivo registrato nella Rsa Paoli-Puccetti e scoperto quasi per caso. Bisogna isolare subito tutto e sottoporre a screening a tappeto ospiti e operatori per evitare che quella Rsa torni ad essere un focolaio o un vettore di trasmissione verso l’esterno del virus»: a incalzare Regione ed Asl Nord Ovest è il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

Appresa dalle cronache locali la notizia del tampone risultato positivo a uno degli ospiti della Rsa di Gallicano ammalatosi nelle scorse settimane ma poi negativizzatosi, Marchetti è preoccupato: «Questo è un virus nuovo su cui nessuno ha verità in tasca», ammonisce. «La sola verità è che ne scopriamo i comportamenti col passare del tempo. In questo senso, i decorsi di guarigione rappresentano a loro volta una novità e possono presentare sorprese come per questo signore. Bisogna tenere la guardia alta, soprattutto in spazi come le Rsa che si sono dimostrati permeabili e fragili e che però accolgono persone delicate come gli anziani».

Marchetti invita dunque Regione e Asl a prendere subito in mano la questione: «A costo di andare in eccesso di difesa dal contagio – afferma – è bene isolare tutto e testare tutti. Se poi il risultato dell’anziano ospite sia stato una ricaduta, un falso positivo, l’esito dato dalla presenza di residui virali a bassa carica o addirittura di cellule morte lo dirà il tempo. Qui e ora bisogna garantire tutta la sicurezza necessaria senza indugi. Che il virus può provocare una strage, questo sì che ormai purtroppo lo si sa. Ogni sottovalutazione sarebbe inaccettabile».

Share