L’appuntamento è allo Sky Stone & Songs alle 21:30 a ingresso libero

 

FRIDAY I’M IN LOVE –  LE MOLTE VITE DI ROBERT WYATT RACCONTATE DA GIOVANNI MISURIrobert wyatt

 

Parte alla grande il primo ciclo di incontri sulla storia della musica del 2018 ‘Friday I’m in Love’: venerdì 4 maggio, a partire dalle 21:30, allo Sky Stone & Songs, a ingresso libero, Giovanni Misuri parlerà infatti di Robert Wyatt, l’uomo dalle molte vite.

 

Nato a Bristol nel 1945, ha fondato i Soft Machine che restano una delle più importanti band del panorama progressive e pioniera del movimento musicale che ha preso il nome di ‘scena di Canterbury’. Nel 1971, dopo 4 album, però per Wyatt è stato tempo di cambiare e fondare un’altra band che si è mossa sulla stessa scena, i Matching Mole. Wyatt non è solo un grande strumentista, ma anche un compositore di talento ed è divenuto famoso per le originali sonorità della voce che ne hanno fatto uno dei cantanti tutt’oggi più originali e ammirati della musica contemporanea: per affinare le sue doti vocali, Wyatt si ispirò al jazz, senza però mai definirsi un musicista jazz, in quanto non si è mai considerato tale non essendo mai stato in contatto con la comunità afro-americana.

Nel 1973 un incidente – cadde da una finestra durante una festa – lo ha paralizzato dalla vita in giù: da quel momento Wyatt ha condotto una vita estremamente ritirata, dedicandosi alla sperimentazione e alla ricerca musicale da solista, nonché alla collaborazione con altri artisti e alla promozione di giovani talenti. Importante è sempre stato per il musicista inglese anche l’impegno politico.

 

Per maggiori informazioni e per il podcast degli incontri ‘Friday I’m in Love’: www.skystoneandsongs.it

Share