Fondo anti crisi: aperto il bando fino al 15 gennaio ad Altopascio

La giunta Marchetti aumenta lo stanziamento portandolo a 54mila euro

Con uno stanziamento di 54.125,43 destinato al “fondo anti crisi”

l’amministrazione comunale di Altopascio conferma per il terzo anno

consecutivo il concreto sostegno alle fasce della popolazione a più basso

reddito e ai pensionati. Il bando del fondo anticrisi – disponibile fino al 15

gennaio, termine ultimo per poter presentare le domande – è frutto del lavoro

congiunto dell’amministrazione comunale con le organizzazioni sindacali che

hanno siglato un accordo dedicato a questi temi lo scorso 30 novembre.

Agli oltre 54.000 euro vanno aggiunti 18.000 euro di minori introiti legati alle

agevolazioni deliberate dalla giunta comunale per nuclei familiari al cui

interno sono presenti membri in situazione di grave handicap o nuclei

affidatari di figli minori.

“Il Fondo anticrisi è una delle misure che l’amministrazione comunale di

Altopascio ha messo in campo per il sostegno alle famiglie in tempo di crisi.

In un panorama nazionale caratterizzato dal rigore dei tagli che anche nella

finanziaria 2016 del governo Renzi si confermano penalizzanti verso gli enti

locali virtuosi come lo è il comune di Altopascio, sono fondamentali interventi

a sostegno del welfare e dei cittadini che hanno bisogno.” Commenta il

sindaco Maurizio Marchetti.

“La misura del fondo anticrisi è nata 3 anni fa come misura straordinaria, ma

purtroppo a causa della situazione di grave crisi economica che continua ad

interessare l’Italia e anche il nostro territorio è stato necessario confermare

questo intervento. Questa iniziativa è il segnale che la priorità degli impegni

amministrativi sono le famiglie. In linea con la politica di lotta

all’evasione/elusione fiscale e nel rispetto della volontà di tutelare chi davvero

si trova in situazione di difficoltà, le domande presentate saranno soggette al

controllo della veridicità dei dati dichiarati ” Commenta l’assessore alle

politiche sociali Elena Silvano.

L’accesso al Fondo Anticrisi è stabilito in ISEE 8.600 Euro per i nuclei con

redditi familiari derivanti prevalentemente (80%) da pensione tali da

determinare situazione di difficoltà e in ISEE 7.700 Euro per le rimanenti

categorie. L’ISEE di riferimento DA ALLEGARE ALLA DOMANDA è quello

relativo all’anno 2015. Il bando – sulla base della buona esperienza della

gestione 2014 – sarà diviso in due sezioni:

A) CONTRIBUTO TASI

Il contributo è dedicato ai proprietari di quelle categorie di abitazioni che con

l’introduzione dell’Imu a parità di rendita catastale si sono visti recapitare in

bolletta un addebito che con la tariffa precedente non sarebbe stato dovuto.

– rendita catastale compresa tra 0,00 e 250,00 euro rimborso di 70 Euro

– rendita catastale compresa tra 250,01 e 350 euro, rimborso di 30 Euro

Non avranno diritto di usufruire del contributo di cui trattasi i soggetti che

hanno usufruito per l’anno 2015 delle agevolazioni previste dall’art.7 Del

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (Tasi)

approvato con delib. CC n. 44 del 28/07/2015 e più precisamente della

riduzione del 50% sul tributo per le famiglie che presentano all’interno del

nucleo uno o più membri disabili con un’accertata sussistenza della

condizione di handicap grave di cui all’art. 3 della L.5 febbraio 1992 n. 104 e

per le famiglie affidatarie di uno o più minori.

B) CONTRIBUTO A SOSTEGNO DEL REDDITO

Avranno diritto di usufruire dei contributi per integrazione del reddito i soggetti

che dimostreranno di trovarsi in una delle seguenti condizioni:

disoccupazione; cassa integrazione/mobilità con riduzione dello stipendio;

riduzione orario di lavoro; redditi familiari derivanti da lavoro (in qualunque

forma) tali da determinare situazione di difficoltà; redditi familiari derivanti da

pensione.

Gli aiuti del fondo interessano: pagamento rette asili nido; pagamento buoni

pasto scolastici; pagamento trasporto scolastico; pagamento centro diurno

anziani; contributi per l’acquisto di generi alimentari in buoni spesa; contributi

in denaro fino ad un importo massimo di euro 500; le imposte comunali.

Il bando e la relativa documentazione è disponibile sul sito web del comune

di Altopascio o presso gli uffici URP (0583.216455) e Politiche Sociali

(0583.216353 – 0583.216907)

RIEPILOGO ANNI PRECEDENTI:

– FONDO ANNO 2013: STANZIAMENTO COMPLESSIVO 50.000 + 15.000 EX BANDO

ATTIVITA COMMERIALI RECUPERATI

ACCETTATE 265 DOMANDE. RESPINTE: 16

– FONDO ANNO 2014: STANZIAMENTO 51.077 + 18.000 MINOR INTROITO RIDUZIONE

50% DELLA TASI PER SITUAZIONI DI HANDICAPGRAVE /GENITORI AFFIDATARI

BANDO GENERALE: ACCETTATE: 340 DOMANDE. RESPINTE: 10.

BANDO TASI: ACCETTATE 13 DOMANDE (rimborso 70,00 euro abitazioni principali con

rendita catastale 0,00 – 250 euro e rimborso 30,00 euro abitazioni principali con rendita catastale

250,01 – 350)

– FONDO ANNO 2015: STANZIAMENTO 54.125,43 + 18.000 MINOR INTROITO

RIDUZIONE 50% DELLA TASI PER SITUAZIONI DI HANDICAPGRAVE /GENITORI

AFFIDATARI

Share