Rinnovato per quattro quinti il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Terre Medicee in carica per il quinquennio 2016-2021. Oltre al primo cittadino Riccardo Tarabella, presidente di diritto della Fondazione, entrano a far parte dell’organo di governo dell’ente l’assessore alla Promozione e Valorizzazione del Territorio Giacomo Genovesi, espressione del Comune di Seravezza, socio fondatore, Giuseppe Tartarini in rappresentanza del Circolo Culturale Sirio Giannini di Seravezza, nuovo socio istituzionale della Fondazione, e Manuela Della Ducata in rappresentanza della società Henraux di Querceta, confermata nel ruolo di socio partecipante. Unica presenza in continuità con il precedente Consiglio di Amministrazione è quella di Enrico Griotti in rappresentanza della società Barsi Marmi di Pietrasanta, anch’essa confermata nel ruolo di socio partecipante. La carica di vicepresidente è stata affidata a Giacomo Genovesi.

Nella riunione di insediamento il CDA ha provveduto anche alla nomina del direttore generale e del revisore dei conti ed ha fatto un primo quadro delle attività da svolgere nel quinquennio. Con l’intento di garantire continuità alle attività della Fondazione l’incarico di direttore generale è stato confermato a Franco Carli; quello di revisore dei conti è stato affidato al commercialista Giorgio Ulivi. Entrambe le nomine sono avvenute all’unanimità su indicazione del presidente e a seguito di selezione tramite avviso pubblico. Quanto alle attività dei prossimi mesi, confermata la stagione teatrale alle Scuderie Granducali, per la quale si sta già mettendo a punto il cartellone, allo studio una mostra d’arte a Palazzo Mediceo in autunno da dedicare all’artista Guido Cagetti, confermati i tradizionali appuntamenti primaverili di Seravezza Fotografia ed Enolia. In una prospettiva di più ampio respiro, per il 2018 saranno proposti eventi correlati all’Anno di Michelangelo, con un potenziamento degli obiettivi nell’ambito del progetto “La via dei marmi”.

Il CDA tornerà a riunirsi a giorni per prendere in esame la programmazione nel suo complesso.

Share