Tra le priorità: edilizia scolastica, viabilità e difesa del suolo. Palazzo Ducale dovrà versare allo Stato ben 19,5 milioni di euro

Obiettivo raggiunto in vista dell’imminente cambio di amministrazione. Con l’approvazione del bilancio di previsione del 2015 ratificata nel corso del Consiglio provinciale di ieri pomeriggio (martedì 15 settembre), si è praticamente chiuso il capitolo della “vecchia” Provincia ante riforma Delrio, in vista della nuova configurazione di ente di Area Vasta che scatterà lunedì 21 settembre, dopo le elezioni di secondo grado in programma domenica 20. L’amministrazione attualmente guidata da Maura Cavallaro (presidente pro-tempore dopo la decadenza di Stefano Baccelli) – grazie al lavoro sinergico delle strutture tecniche con gli uffici finanziari, della giunta, del Consiglio e delle Commissioni – è riuscita a ‘confenzionare’ e ad approvare un bilancio dell’anno in corso nonostante i pesantissimi tagli subìti dalle Province a partire dal 2011. Per comprendere a quanto ammontano i tagli che, in concreto, si traducono in risorse dell’ente versate direttamente allo Stato, basta sottolineare che Palazzo Ducale dovrà versare allo Stato ben 19,5 milioni di euro nel 2015 come ha rimarcato nella sua relazione al Consiglio l’assessore provinciale alle finanze Andrea Giorgi.

“Era uno degli obiettivi principali di questa amministrazione – sottolinea la presidente Cavallaro – . Un risultato fondamentale raggiunto grazie al lavoro della struttura finanziaria e tecnica dell’ente parallelamente a quella politica che, superando anche complessi cambi di norme contabili, permette di lasciare alla prossima amministrazione, oltre che una linea di indirizzo sulle priorità d’investimento, una situazione di bilancio comunque solida nonostante le difficoltà causate sia dai continui tagli, sia dal processo di riordino istituzionale. Esprimo quindi soddisfazione, anche a nome della giunta, per aver raggiunto l’obiettivo del via libera al bilancio, l’ultimo approvato dall’assemblea democratica eletta direttamente dai cittadini come hanno sottolineato alcuni consiglieri di maggioranza e di opposizione”

Dal canto suo l’assessore Giorgi ha dichiarato che:

“l’approvazione del bilancio 2015 è stata resa possibile grazie alle modifiche apportate, ad agosto, al decreto legge n. 78, ma soprattutto in virtù dell’attenta strategia finanziaria di questi anni, tra cui la vendita delle azioni Salt, che ha consentito all’ente di Palazzo Ducale di far fronte alle enormi difficoltà causate dai continui e pesanti tagli che, per le Province, significano maggiori versamenti diretti allo Stato. Le nuove norme non consentiranno comunque a tutte le amministrazioni provinciali di chiudere i propri bilanci: infatti, il taglio previsto per il 2015 è stato mantenuto, mentre è stato sospeso quello per il 2016 e il 2017”

La chiusura dell’esercizio finanziario di previsione 2015, quindi, in sostanza si deve soprattutto grazie ad un’azione progressiva e constante di riduzione delle spese dell’ente, all’estinzione di molti mutui, alla buona situazione di cassa e al consistente avanzo di amministrazione del consuntivo 2014. Elementi che consentono oggi alla Provincia di Lucca di raggiungere diversi risultati, tra cui, oltre all’approvazione dell’esercizio finanziario, di impostare altresì la gestione del 2016; di mettere al riparo l’ente da situazioni purtroppo in essere altrove, quali il pagamento degli stipendi ai dipendenti; di consentire il pareggio di bilancio senza ricorrere ad aumenti tributari, ancora consentiti alla Provincia, ad esempio, in tema di aliquota per la tassa rifiuti. Tra le priorità di investimento per il 2015 sono confermati i settori dell’edilizia scolastica, della viabilità e della difesa del suolo. Di seguito le opere pubbliche principali che saranno finanziate. Per quanto riguarda il settore dell’edilizia scolastica – per il quale Palazzo Ducale negli ultimi mesi per lavori conclusi e avviati ha investito oltre 11 milioni di euro sul territorio – sono previsti interventi per 9,5 milioni di euro tra fondi statali e regionali, contributo della Fondazione CRL e risorse dirette della Provincia. A questi interventi si aggiungono già quelli finanziati sempre dalla Fondazione per alcune scuole superiori di Lucca, della Valle del Serchio e della Valle mentre nel bilancio di quest’anno sono inseriti anche i 2,5 milioni di euro che serviranno per la ristrutturazione e le palestre di alcune scuole superiori grazie al finanziamento agevolato dell’Istituto del Credito Sportivo: in particolare si tratta dell’ITC Piaggia e del Galilei di Viareggio, del Chini di Lido di Camaiore dell’Isi di Barga, dell’ ITC Carrara, di Lucca, del Vallisneri di Lucca e del Campedelli-Galilei di Castelnuovo Garfagnana.  L’intervento di ristrutturazione della piscina dell’ITI Fermi di Lucca (170mila euro) sarà finanziati per metà dal bando regionale dello sport e per l’altra metà da Palazzo Ducale. Il quadro della voce “edilizia scolastica” è completato da uno stanziamento di poco superiore al milione di euro per altri interventi di ristrutturazione urgenti e manutenzioni straordinarie di cui spicca, per entità (700mila euro) l’intervento all’Istituto agrario “Busdraghi” di Mutigliano. Per le manutenzioni ordinarie sono stati stanziati 400mila euro. Ammonta ad oltre 9,3 milioni di euro il bilancio annuale nel settore della viabilità, competenza che rimarrà anche alla Provincia di secondo livello. Gli interventi più importanti inseriti in bilancio, molti dei quali già conclusi o avviati sono: il ripristino della strada provinciale n. 9 di Marina in località Iacco (Stazzema) per 600mila euro; sempre nello stesso comune il ripristino della viabilità sulla frana della Risvolta (370mila euro) e in quella della Pollaccia (280mila euro). Continuando in Versilia si segnala lo stanziamento di 1 milione e 348mila euro per il risanamento acustico della strada regionale 439 (Sarzanese) a Massarosa. In Valle del Serchio la Provincia ha investito 2 milioni di euro per mettere in sicurezza il versante montuoso ad Acquabona (Castelnuovo Garfagnana), e 600mila euro per la modifica dell’innesto tra la sr445 della Garfagnana e la sp n. 57 al ponte di Turrite Cava, a Coreglia Antelminelli. A questi interventi si aggiungono 1 milione e 730mila euro per la sistemazione e il risanamento acustico della via Sarzanese (sr 439) nel comune di Capannori; 910mila euro già spesi per la sistemazione degli asfalti sulle strade percorse dall’ultimo Giro d’Italia; 600mila euro per la manutenzione straordinaria della rete viaria provinciale e, infine, 1 milione circa per la sistemazione di frane e smottamenti sulla viabilità di competenza. Per quanto riguarda la difesa del suolo (10,7 milioni di investimento in totale), le principali opere pubbliche inserite nel bilancio del 2015 sono: l’adeguamento della Gora di Stiava (Massarosa) alla portata duecentennale (745mila euro) e l’adeguamento della Gora di Stiava a Monte Brentino (ulteriori 915mila euro), la nuova cassa di espansione del torrente Certosa (Lucca) – 900mila euro. Gli impegni finanziariamente più consistenti sono comunque per il fiume Serchio: 5,6 milioni di euro per l’adeguamento strutturale per l’argine sinistro, dalla colonia solare al Ponte di Monte S. Quirico e l’adeguamento sull’altro argine (destro) a monte dell’immissione del torrente Freddanella fino al ponte di Monte S. Quirico per ulteriori 2,5 milioni di euro. Accompagnano i progetti citati i lavori per la riqualificazione di Palazzo Ducale, per la valorizzazione della via Francigena, oltre al completamento delle opere (130mila euro) nella riserva naturale del Sibolla (Altopascio), nonché nuovi interventi dell’area umida in località Chiariti (Lucca) grazie al progetto transfrontaliero ‘Zoumate’ (36mila euro). Sono inseriti in bilancio, inoltre, 100mila euro complessivi per la manutenzione di Palazzo Ducale, la Fortezza di Mont’Alfonso a Castelnuovo e Villa Argentina, a Viareggio.
Per Palazzo Ducale sono stanziati ulteriori 55mila euro circa per interventi di gestione, manutenzioni agli impianti e altri lavori di riqualificazione, nonché 290mila euro di fondi regionali per il rifacimento del tetto del complesso architettonico. Continua, infine, la proficua collaborazione con la Camera di Commercio di Lucca in merito al Polo dell’area ex Bertolli a Sorbano per il quale la Provincia risulta soggetto appaltante: in questo caso sono previste risorse pari ad 1,2 milioni di euro finanziate però da Regione Toscana e Camera di Commercio.

Share