FRATELLI D’ITALIA: “SULLA QUESTIONE OCEANICHE TROPPI ERRORI DELL’AMMINISTRAZIONE, CHE ADESSO HA PURE IL CORAGGIO DI PRESENZIARE ALLA MOSTRA DI TURCATO A ROMA”
 
Il capogruppo Carlalberto Tofanelli e il consigliere FdI Marco Dondolini spiegano il voto contrario espresso all’ultimo consiglio comunale relativamente al preventivo per il restauro delle Oceaniche di Turcato.
“La maggioranza _ dicono congiuntamente _ non può presentare una variazione di bilancio di 300.000 euro per restaurarle quando abbiamo in mano un preventivo di esperti che ne prevede 150.000. L’amministrazione continua a ribadire la propria incapacità di portare a termine il recupero dell’opera, dopo aver già dimostrato la mancanza di competenza nel gestire la rimozione dell’opera d’arte in sicurezza senza provocare danni.  In questi casi il Direttore dei Lavori avrebbe dovuto sospendere l’intervento e chiamare la Sovrintendenza che avrebbe fornito tutte le indicazioni per mettere in sicurezza la struttura e valutare la possibilità di rimuoverla, come spostarla e dove ricoverarla in attesa del sul recupero.  Invece è stata asportata alla base e abbandonata in un magazzino della Sea, fino alla scoperta e poi è storia conosciuta degli ultimi tempi. Ora la maggioranza è diventata paladina di Turcato, gli amministratori vanno alla sua mostra di Roma  e hanno incaricato l’Istituto centrale del restauro (ICR) per il recupero dell’opera stanziando 300mila euro. Questo non vuol dire che li spenderanno tutti, ma gran parte di quello che spenderanno sarà dovuto alle loro incapacità perché se la cosa fosse stata gestita in maniera corretta forse le Oceaniche non avrebbero subito tutti questi danni che dovranno pagare i cittadini a causa di un’amministrazione palesemente distruttiva e non attenta alla cultura”

Share