Fase2, Marchetti (FI): «Turismo, si studi ripartenza per i campeggi. Piazzole distanziate e aria aperta sono punti a favore anti-covid»

Il Capogruppo regionale di Forza Italia Maurizio Marchetti per un percorso ad hoc: «L’ospitalità all’aria aperta può attuare una ripresa con tempi differenti. Intanto si dichiari lo stato di crisi per il settore turistico e per il segmento Ho.Re.Ca»

«Piazzole distanziate e aria aperta rappresentano due punti a favore contro il contagio da coronavirus per il settore dei campeggi. La Regione pensi per loro una ripartenza ad hoc ma intanto si dichiari lo stato di crisi per tutto il settore turistico e per l’intero segmento Ho.Re.Ca»: la spinta arriva dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti che ormai da giorni formula proposte multisfaccettate per la ripresa delle attività anche in Toscana.

«L’ospitalità – spiega – non è tutta uguale. I campeggi hanno il vantaggio, rispetto al contagio, di avere installazioni en plein air e di poter distanziare le piazzole. Anzi, molti tendono già a strutturare i loro spazi offrendo agli ospiti piazzole più ampie per una maggior libertà e riservatezza pur a contatto con la natura. Ecco: penso che in questa contingenza, e a ridosso della stagione estiva, per queste strutture possa essere più semplice programmare la ripartenza. E allora, lo si faccia».

In termini più generali: «Va dichiarato lo stato di crisi per l’intero settore turistico – osserva Marchetti – che per quest’anno andrà plausibilmente in perdita. Bisogna essere realistici e preparare un sostegno vigoroso per la filiera che va sotto la sigla Ho.Re.Ca, ovvero Hotellerie-Restaurant-Café».

Share