Editoriale del Direttore Daniele Vanni

 

Futuro (???) della Kme, Tagliasacchi: “Valutare credibilità del piano industriale presentato dall’azienda”

Il sindaco di Castelnuovo di Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, parteciperà lunedì a Barga al tavolo istituzionale convocato per monitorare il progetto di riconversione industriale dell’impianto mettallurgico della Kme di Fornaci.

Tagliasacchi esprime la propria “vicinanza a tutti i lavoratori dell’azienda e si impegna “a fianco delle istituzioni della Valle affinchè si valuti da subito la credibilità del piano industriale presentato dai vertici dell’azienda. L’obiettivo deve essere quello di rilanciare le opportunità di crescita e sviluppo economico dell’area partendo dalla garanzia del mantenimento degli attuali livelli occupazionali.

Davvero Tagliasacchi e gli altri Sindaci della Valle e di tutta la Provincia, perché la chiusura di quella che fu la più grande fonderia di rame di Europa, dovrebbe avere una dimensione regionale e nazionale, ma non mi risultano interventi del Governo (né localmente un Comune come Braga che ha vissuta da sempre di Smi-Kme ha mai istituito un assessore ad hoc!) crede che i “rudi” uomini del Thomas e della Fiom possono avere un futuro a mettere piantine in coltivazioni idropiniche??!

Nella religione romana i Mani (in latino: Manes) erano le anime dei defunti. Il loro nome deriva dal latino e significa Benevolenti. Esse talvolta venivano identificate con le divinità dell’oltretomba…Halloween è sempre stata celebrata nella Vallata, molto prima delle mode americane e delle zucche di plastica dei supermercati. Non voglio dire che sia una vallata dove le zucche abbondano e non si sa mantenere neppure le industrie che ci sono (senza v

iabilità, collegamenti…senza collegamenti con le università italiane o estere, perlomeno quella di Pisa, perché orma si è capito da decenni, ma altre aziende del luogo sembrano pervicacemente ignorarlo, magari appellandosi solo alla leva politica, che senza ricerca ed innovazione nel mondo globalizzato non c’è speranza di lavoro e di produrre!) ma certo la situazione della Smi-Kme, mi pare anticipare la Festa che tra poco si terrà il 2 Novembre!

 

 

DPS0NX6L4968-U1030711988210G-U10307518172772F-146x245@LaStampa-NAZIONALE-kyCG-U10307518172772F-568x320@LaStampa.it

Vincenzo Manes

28 dicembre 2014  da: Il Fatto Quotidiano

L’imprenditore renziano fresco di nomina a consigliere del premier per il sociale spiega il suo progetto al Fatto.it: “Nessuno ha la bacchetta magica ma quando il pubblico non ce la fa più a creare occupazione e il privato annaspa, allora è necessario individuare nuove soluzioni”

Tre o quattro mesi di tempo. E poi il terzo settore avrà la sua “Iri del sociale”. Ma non un nuovo carrozzone di Stato, bensì un fondo a capitale misto pubblico-privato con una politica di investimento che crei occupazione. Almeno, questo è il progetto su cui è al lavoro Vincenzo Manes, finanziere molisano appena nominato da Matteo Renzi suo consigliere “pro bono” con l’incarico di “far partire il tema dell’innovazione sul sociale, sulla creazione di posti di lavoro legati a una diversa impostazione del terzo settore”.

 

 

 

Share