Ecco Quasi Estate, secondo romanzo dello scrittore lucchese Paolo Lazzari

La vita di provincia, i sogni anestetizzati e la forza di rimanere fedeli a sé stessi al centro del nuovo libro. Presentazione sabato 6 ottobre (alle 18) a LuccaLibri

 

Lucca, 3 ottobre. C’è la vita che scorre quasi sempre tutta uguale, nella profonda campagna toscana. Ci sono gli amici ed i volti di sempre, dosi di consigli non richiesti e tanta, troppa voglia di non guardarsi soltanto esistere. C’è tutto questo, e non solo, in “Quasi Estate”, il secondo romanzo dello scrittore lucchese Paolo Lazzari, edito da GoWare.

“Guido Cerruti è un ventenne come molti – spiega l’autore – e forse la forza del libro sta proprio qui: chiunque ci si potrebbe riconoscere. Ho voluto raccontare la storia di un grande talento che rischia di essere anestetizzato dalla mancanza di volontà, dalle pressanti comfort zone che ci costruiamo addosso e dai castelli di scuse che sappiamo issarci intorno. Credo che in questa vicenda ci sia davvero molto di ciascuno di noi”. Il tutto, nel mezzo di un racconto in cui il paesaggio, dalla campagna a Firenze, è sfondo e pretesto per raccontare la toscanità, l’irriverenza dei vent’anni e la voglia di resistere ad oltranza ad alcuni atavici mali tutti italiani.

La prima presentazione ufficiale del romanzo è in programma a Lucca, il 6 ottobre (dalle 18) al Caffè Letterario LuccaLibri (in viale Regina Margherita 137).

LA TRAMA

Guido, ventunenne in crisi, trascorre la sua esistenza a Montelupo, un borgo in provincia di Firenze. Pressato dalla famiglia, è iscritto a Giurisprudenza senza averci mai messo piede: in realtà sogna di fare lo sceneggiatore. Accanto a lui, alleati di sonnolente giornate, una serie di personaggi trasandati. Come Ale e Pippo, gli amici di una vita, uno l’opposto dell’altro. Ma anche nonna Isolina, l’unica a spingerlo davvero verso quello che è. Fino a quello spiraglio di luce inatteso, travestito da studentessa americana, che si incastra in una moviola infinita, ribaltandola. Lo scrittore imbranato e l’universo portatile che gli ruota intorno sono i protagonisti di un percorso di formazione speculare, raccontato con il taglio dissacrante ma allo stesso tempo sensibile che contraddistingue la scrittura di Paolo Lazzari.

 

PAOLO LAZZARI è nato nel 1985 e vive a Lucca. Come giornalista, scrive da anni per quotidiani locali e nazionali. Lavora inoltre nel campo della comunicazione non convenzionale. Ha pubblicato, sempre con goWare, Intermittenze a New York (2016), di cui Quasi Estate è il prequel.

 

Share