Eccidio di Molino Rosso: Marcucci alla lapide di Valdicastello, aiutiamo i giovani a non dimenticare

“Aiutiamo le nuove generazioni a non dimenticare la storia. Da giovane mi rendo conto che i miei coetanei, e le generazioni successive alla mia, nutrono poco interesse nei confronti della nostra storia locale e delle barbarie che i nostri bisnonni e nonni hanno dovuto subire. Dobbiamo spronarli a frequentare i luoghi della memoria, a prendere contatto con il significato di antifascismo e rivendicare il loro diritto alla piena conoscenza.

 

 

Vanno presi per mano e condotti fino qui. Vanno resi coscienti. L’eccidio di Molino Rosso, e così gli altri eccedi che hanno martoriato questa terra, non sono così lontani”: è quanto ha detto il consigliere comunale, Matteo Marcucci durante il suo intervento a Molino Rosso in occasione della 76esima commemorazione delle 14 vittime dei nazifascisti che si è tenuta martedì 11 agosto a Valdicastello.

 

 

Alla commemorazione erano presenti l’Anpi e le associazioni combattentistiche e d’arma, reduci, sopravvissuti e parenti delle vittime. L’amministrazione comunale, che aveva ricordato lunedì 10 agosto le vittime degli eccedi di Capezzano Monte con la deposizione di fiori e corone al cippo di Seballa e al Nespolo, parteciperà alle celebrazioni di S. Anna di Stazzema.

Share