Doppio appuntamento bibliografico a villa Bertelli sabato 30 ottobre:

Presentazione del libro

Pasticceria con i grani antichi di Gabriele Cini

Sala Ferrario ore 10.30.

 Degustazione finale dei prodotti con il noto Mastro Pasticcere

Presentazione del libro

 

 

 

 

 

 

Sulle spalle dei Giganti. I nuovi collegamenti tra Epigenetica e Destino.

di Antonio Viti, con la partecipazione di Matteo Cerboneschi

Sala Ferrario ore 16.00

La nuova e più profonda chiave di lettura del benessere

Doppia presentazione di libri, dedicati al benessere, sabato 30 novembre a Villa Bertelli. Il primo appuntamento sarà alle 10.30 nella Sala Ferrario con il rinomato Mastro Pasticcere Gabriele Cini e la sua ultima opera Pasticceria con i grani antichi.  Il libro racconta la pasticceria, la pizzeria e la pasta prodotti con le farine di grani antichi ed autoctoni, macinati a pietra. Inoltre, comprende un capitolo sulla fermentazione ed i lieviti, in parte rivista dall’Università (Scienze Forestali) di Firenze. Non solo. presenta anche uno studio innovativo sulla Glicazione degli alimenti e la formazione di Acrilamide, nei prodotti amidacei, dovuti alle alte temperature di cottura. Si tratta di un metodo teorico-pratico col quale reintrodurre le farine in oggetto anche nella produzione professionale ed industriale.
Il volume è già presente nella bibliografia del corso accademico di Arti Culinarie della Scuola di Alta Cucina “Cordon Bleu”, in collaborazione con l’Università Telematica di Firenze (IUL). Al termine, ci sarà una degustazione finale di prodotti realizzati con gli ingredienti presentati.

Nel pomeriggio, alle 16.00 sempre nella Sala Ferrario, sarà di scena Sulle spalle dei Giganti. I nuovi collegamenti tra Epigenetica e Destino, a cura di Antonio Viti, noto fisioterapista e osteopata, con la partecipazione di Matteo Cerboneschi. Si legge nella presentazione: “attraverso un viaggio stimolante e ambizioso capace di emozionare e di provocare con molti spunti di riflessione, Antonio Viti si è impegnato a diffondere non soltanto un’idea di salute, ma una più profonda chiave di lettura del benessere: la ricerca della felicità. Le sue proporzioni ci hanno avvicinato con fiducia al cambiamento, incoraggiandoci a riappropriarci del senso di responsabilità e di cura verso noi stessi e la vita. Questi assunti, nel nuovo libro, si arricchiscono ulteriormente, rivelandosi strumenti indispensabili per rivoluzionare e ricodificare anche un linguaggio all’apparenza immutabile e già scritto come il nostro codice genetico”.

 

Share