Consultazione a suffragio ristretto riservata ai sindaci e ai consiglieri comunali del territorio. I cittadini non possono votare.

D

omenica 20 settembre la Provincia rinnova le cariche di presidente e dei consigliere provinciali, diventando, di fatto, un ente di II grado, così come previsto dalla riforma Delrio. Le elezioni di II grado si svolgeranno in modo analogo a quelle ordinarie: il seggio è unico ed è composto da un presidente e quattro scrutatori, di cui uno con funzioni di segretario. E’ stato allestito in una sala che avesse la caratteristica di essere facilmente accessibile e, per tale motivo, è stata scelta sala Mario Tobino a piano terra di Palazzo Ducale. La prima riunione del seggio è fissata per domani, sabato 19 settembre, alle 16:30, quando verranno vidimate le schede. Domenica, invece, il seggio aprirà alle 8.00 e resterà a disposizione dei votanti fino alle 20. Nel corso della giornata di consultazioni elettorali sono previsti due momenti di verifica dell’affluenza: alle 12 e alle 18 mentre, subito dopo la chiusura, si procederà allo spoglio delle schede. La proclamazione ufficiale degli eletti è prevista per lunedì mattina (21 settembre), ma già nella serata di domenica si conoscerà il nome del candidato eletto presidente. Ad ogni elettore – sindaco o consigliere comunale – saranno consegnate due schede: una per l’elezione del presidente e una per l’elezione dei consiglieri. Le schede sono di colore diverso a seconda della fascia demografica a cui appartiene il comune del votante:
 fascia A: colore azzurro – Comuni con popolazione fino a 3mila abitanti
 fascia B: colore arancio – Comuni con popolazione superiore a 3mila e fino a 5mila abitanti
 fascia C: colore grigio – Comuni con popolazione superiore a 5mila e fino a 10mila abitanti
 fascia D: colore rosso – Comuni con popolazione superiore a 10mila e fino a 30mila abitanti
 fascia E: colore verde – Comuni con popolazione superiore a 30mila e fino a 100mila abitanti

Sono chiamati a votare 468 tra sindaci e consiglieri comunali, definiti a seguito di un’accurata verifica del corpo elettorale in base alla circolare del ministero dell’Interno n.32 del 1 luglio 2014, collegata alla Legge Delrio (che assegna i parametri indicativi rispetto alla popolazione residente sul territorio provinciale e ai 33 Comuni che lo compongono).
Ogni elettore esprime un solo voto per uno dei candidati alla carica di presidente, facendo una croce sul nominativo del candidato stampato sulla scheda. Procedimento analogo anche per i candidati al consiglio provinciale, dove l’elettore può esprimere nell’apposita riga della scheda un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere, scrivendone il cognome (in caso di omonimia, il nome e cognome). Verrà così eletto sia il presidente della nuova Provincia – in base al numero di voti raccolti – e non vi è alcun quorum particolare, nonché il nuovo consiglio provinciale, formato da 12 consiglieri. Sono candidati alla carica di presidente: Michele Giannini (centrodestra) e Luca Menesini (centrosinistra). I candidati alla carica di consigliere della Provincia, suddivisi nelle varie liste, invece sono:

LISTA PARTITO DEMOCRATICO – Alberto Baccini; Nicola Boggi; Renato Bonturi; Umberto Buratti; Alessandro Del Dotto; Adolfo Del Soldato; Enzo Giuntoli; Mario Puppa; Stefano Reali; Grazia Sinagra.

LISTA ALTERNATIVA CIVICA CENTRODESTRA – Domenica Briganti; Riccardo Giannoni; Daniele Lazzareschi; Mauro Macera; Maurizio Marchetti; David Marcucci; Nicola Morelli; Giorgio Mura; Maria Domenica Pacchini; Sandra Paoli; Alessandro Santini; Simone Simonini.

LISTA L’ALTRA PROVINCIA PER I BENI COMUNI – Paolo Barsanti; Marco Bonini; Andrea Favilla; Leonardo Gilardetti; Pietro Lazzerini; Giorgio Salvateci

 

Share