Disservizi telefonici. Quarantacinque i ricorsi depositati dalla Federconsumatori Lucca.  DA GENNAIO A OGGI

Un’utente ottiene 300,00 euro di indennizzo per la sospensione non giustificata del servizio.

Prosegue l’attività della Federconsumatori Lucca per la tutela degli utenti; nel periodo da gennaio a

giugno 2017 – dichiara Fabio Coppolella, Presidente provinciale dell’associazione –

depositati quarantacinque ricorsi, presso il Co.Re.Com. Toscana; il Comitato Regionale per le

Comunicazioni è competente per le controversie sia contro i gestori telefonici sia contro i gestori

dei servizi Pay Tv.

L’ultimo caso che abbiamo seguito – prosegue Coppolella – è quello di un’utente residente ad

Orentano, che si è rivolta al nostro Sportello di Altopascio. La signora in questione aveva

sottoscritto il contratto per la migrazione della propria utenza dal vecchio al nuovo gestore; tuttavia,

a distanza di pochi giorni, il servizio voce ed internet si era inspiegabilmente interrotto, causando

gravi disagi e disservizi alla malcapitata cittadina.

Nonostante i numerosi reclami, i due gestori non hanno mai risolto le problematiche denunciate

dall’utente, addossandosi a vicenda le relative responsabilità; perdipiù, la nostra associata riceveva

regolarmente le fatture per il servizio telefonico che, di fatto, risultava inutilizzabile.

Come Federconsumatori – prosegue Coppolella – abbiamo presentato il reclamo ai due gestori

telefonici in questione e successivamente è stata depositata l’istanza UG, presso il Co.Re.Com.

Toscana. In sede di udienza, è stato sottoscritto il verbale con cui i gestori si sono impegnati a

corrispondere all’utente l’indennizzo di euro 300,00, oltre all’annullamento delle fatture contestate.

Per informazioni ed assistenza su casi analoghi, è possibile rivolgersi agli Sportelli

Federconsumatori della provincia di Lucca (Tel. 0583/44.151-Lucca; 0583/26.41.82-Altopascio e

0584/32.531–Viareggio; e-mail: federconsumatorilucca@gmail.com).

Lucca lì, 23/06/2017

p. Federconsumatori Lucca

Il Presidente provinciale

Fabio Coppolella

 

Share