Discoteche chiuse da un anno: “Ristori per ripartire, ma senza abusivi”

VERSILIA – 23 febbraio 2020. Un anno fa esatto la chiusura delle discoteche e dei locali da ballo, imposta dal Governo in uno dei primissimi decreti Covid. Salvo una parentesi di poche settimane in estate, fino a Ferragosto, un anno di fatturato perso per le strutture della Versilia.

Si parla di riaperture la sera per i ristoranti, di teatri e palestre. Ma il ballo resta invisibile. Per questo la Confesercenti Versilia fa appello alla Regione e al Governo.

In vista di una riapertura futura, la categoria chiede alla Regione di fare ordine nel settore dove – in Versilia soprattutto – alle pochissime discoteche con licenza da ballo rimaste si affiancano decine di bar o locali dove si balla senza autorizzazione. Una stortura storica della movida versiliese.

Share