Disabile rischia di annegare: è gravissimo. Alta tensione alla Partaccia

L’uomo è andato in arresto cardiaco ma l’intervento del bagnino è stato provvidenziale. Soccorritori della Croce Rossa e sanitari del pronto soccorso presi a male parole e spintoni

intervenuta anche la polizia
Marina di Massa – È ricoverato in gravi condizioni all’ospedale delle Apuane il disabile 40enne che ieri sulla spiaggia di Marina di Massa ha rischiato di morire, salvato in extremis dall’intervento del bagnino. L’allarme è scattato intorno alle 14 sulla spiaggia della Partaccia nei pressi della Torre Fiat quando, per cause da chiarire, un disabile che si trovava sul bagnasciuga è caduto di faccia verso il mare. Non riuscendo a girarsi, il suo viso è rimasto immerso nell’acqua che ha inalato, facendolo successivamente andare in arresto cardiaco.

Provvidenziale l’intervento del bagnino che ha praticato il massaggio cardiaco all’uomo, permettendo al suo cuore di tornare a battere. Nel frattempo era stato richiesto l’intervento dell’ambulanza del 118, arrivata sul posto con la Croce Rossa di Massa e una pattuglia della Polizia di Stato che ha interrogato i presenti, compresi i familiari del 40enne.

All’episodio si è aggiunta anche una situazione decisamente spiacevole con attimi di tensione. Sembrerebbe che alcuni presenti se la siano presa, a male parole ma anche con spintoni, coi soccorritori accusati di essere arrivati in ritardo.

Momenti simili si sarebbero poi vissuti anche al pronto soccorso del Noa dove l’uomo soccorso è arrivato in codice rosso.
Lì, infatti, sarebbero stati minacciati i sanitari di turno finché non sono sopraggiunte due volanti della Questura di Massa-Carrara.

Share