David Barton, una “prima” alla Sala delle Grasce

Il verde, il rosa e l’azzurro che “esorcizzano” il giallo, l’arancione e il rosso della pandemia. Paesaggi variopinti che si alternano altri dominati dal grigio, con composizioni cellulari che ricordano l’arte aborigena. Si apre sabato 12 febbraio, nella Sala delle Grasce a Pietrasanta, “La dimensione interiore del paesaggio”, mostra personale dell’artista David Barton che, per la prima volta, espone in Italia i suoi dipinti più recenti, ispirati alla luce e alla bellezza dei paesaggi versiliesi.

“Le opere d’arte migliori generano emozioni, non sono mai neutrali – commenta il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – il pennello di David Barton fa da tramite, tra noi e lui, accompagnandoci a riconoscere anche luoghi come Monteggiori, Sant’Anna di Stazzema e le Apuane. Ringrazio lui e la sua cara moglie Eva Varden per aver portato questa poesia a Pietrasanta: auguro loro di trovare nuova linfa creativa nella nostra città, terra di artisti e di artigiani, dove si sono trasferiti da poco per cominciare un nuovo capitolo della loro vita”.

 

Una pittura figurativa ma anti naturalistica per costruzioni e cromatismi, con una forte tensione tra linea e colore, disposizioni a volte caotiche, assenza di chiaroscuro, piani senza profondità che accentuarno la dimensione interiore e gli spazi dello spirito. Un’ottica artistica della realtà libera e fantasiosa che si avvicina alla pittura fauve ed espressionista e che crea un’atmosfera contemplativa di grande ricchezza emotiva e culturale.
La mostra resterà in città fino a domenica 6 marzo, visitabile dal martedì al venerdì in orario (16-19), sabato e domenica anche la mattina (10-13). Per l’accesso è richiesta la certificazione verde rafforzata.

 

Share