Dalle Dé Soda Sister al Contratto Sociale, non solo musica al Centro Compitese

“SeialCentro” con concerti, corsi di cucina e dj set aperti. Da pasquetta in poi, passando per la festa della Liberazione, il Centro Culturale Compitese propone un calendario di eventi gratuiti che mettono al centro il borgo, il cibo e la sostenibilità  

Musica, cibo e cultura al Centro Culturale Compitese. Archiviata la Mostra antiche camelie della Lucchesia, Pieve e Sant’Andrea di Compito si animano con un nuovo programma d’iniziative. Il titolo del cartellone, non a caso, è “SeialCentro”. Non solo perché tutto si svolge al Centro Culturale (a Capannori, in provincia di Lucca) ma perché questo spazio sociale diventerà il centro del borgo, che apre così le porte a chiunque desideri andare incontro a natura, intrattenimento, cultura e cibo (ovviamente del territorio).

Il primo appuntamento (gratuito) è il lunedì dell’angelo, giorno di pasquetta. Il 18 aprile, sul palco del Centro, a partire dalle ore 18 si esibirà il trio agrifolk delle “Dé Soda Sisters”. Originarie di Rosignano Solvay, il gruppo – tutto al femminile – è formato da Benedetta Pallesi, Veronica Bigontina e Lisa Santinelli. Uniscono modi di fare e di dire della provincia di Livorno e di quella di Firenze, prediligendo spazi scenici contenuti per stringersi al pubblico e farlo sentire parte integrante del concerto. Nel loro repertorio ci sono vecchie canzoni anarchiche e popolari appartenenti alla tradizione toscana. Una chitarra, un mandolino, una cigar box, tre voci e strumenti percussivi ricavati da cucchiai, grattugie e tamburelli.

Tutti gli appuntamenti (a ingresso libero) sono accompagnati da un apericena che coinvolgerà palato e cuore. «Nella nostra cucina cercheremo di acquistare e preparare materie prime del territorio, da piccole produzioni a coltivazioni biologiche» spiegano gli organizzatori. «Le erbe e gli aromi che utilizzeremo sono frutto di passeggiate in collina e di orti curati con amore».

Coerenti con questi principi, il 22 aprile (dalle 17.30) si terrà il corso di cucina responsabile “La cucina dei colori”, a cura di “La rivoluzione vien mangiando” (posti limitati, è obbligatoria la prenotazione; informazioni su camelielucchesia.it). Sarà possibile imparare a cucinare piatti vegetariani basandosi sugli stimoli cromatici che hanno effetti sul corpo e sull’umore. Una proposta di ricette semplici per un’alimentazione sana, leggera ed energetica che si concluderà con una cena.

Il 25 aprile, festa della Liberazione, concerto gratuito dei “Contratto Sociale Gnu Folk” (dalle 17) e, anche stavolta, un’apericena. Il gruppo sperimentale, attraverso canzoni nuove e vecchi brani popolari, propone una rivisitazione della musica popolare, specchio del mondo globalizzato ed elettrico, affiancando sonorità e strumenti della tradizione internazionale alle cosiddette “nuove musiche popolari”: reggae, rock, punk-rock. Il concerto sarà preceduto da un’esperienza che unisce storia, trekking e resistenza con il “Percorso della memoria”, da Castelvecchio a Sant’Andrea di Compito (dalle ore 8.30, 8 chilometri di cammino e pranzo al Centro Culturale Compitese; previsto il ritorno in navetta). L’iniziativa è a cura di Legambiente Capannori e Piana Lucchese insieme ad Anpi Capannori.

“Seialcentro” nel mese di aprile si chiude con la serata dedicata alla “Consolle aperta” (29 aprile, dalle ore 18). Di fronte ci saranno un borgo, un ampio giardino e un palco. E sul palco le casse, due piatti Technics 1200 e un mixer. L’obiettivo? Organizzare un dj set a rotazione aperto a tutti. «Se ci sono dischi che non fai girare sul piatto da tempo o dischi già ampiamente solcati perché non riesci a fare a meno di ascoltarli, questa è l’occasione per condividere gusti, suoni e passioni» spiegano gli organizzatori. Quindi l’invito è chiaro: porta i tuoi dischi e falli suonare. Anche in questo caso la partecipazione è gratuita (per il dj set è però necessario registrarsi) e durante la serata sarà possibile cenare.

Tutte le informazioni, il programma e i contatti sono disponibili sul sito camelielucchesia.it.

Share