Lucchese, il silenzio è d’oro; ora deve parlare solo il campo

CALCIO C – Da martedì pomeriggio la Lucchese è in silenzio stampa. D’ora in avanti solo il presidente Bruno Russo potrà parlare. E’ sfumata così la possibilità, che pure avevamo già annunciato, di avere ospite giovedì sera a “Curva Ovest” il DS Daniele Deoma. Recupero: Pistoiese-Juventus B 1-1

Non sappiamo, non siamo in grado di dirlo, se tale decisione sia stata quella giusta. Di sicuro il presidente, col quale abbiamo parlato a lungo, ci ha confidato di voler blindare la squadra nell’ultimo disperato tentativo di riaccendere quella famosa fiammella che ormai si è quasi spenta. Insomma, dopo tante parole da parte di tutti, è l’ora di far parlare il campo, ammesso e concesso che non sia troppo tardi. Vedremo.

Quattro partite alla fine e 12 punti sul tavolo verde del campionato che se fosse una partita di snooker oseremmo dire che i colpi per fare l’en-plein sono estremamente complicati degni di Ronny O’Sullivan. Chiaro che nel caso di bottino pieno tutto potrebbe cambiare. Gli avversari nell’ordine saranno: Livorno in casa, Carrarese fuori, Lecco al Porta Elisa e Renate il 2 maggio. Sulla carta tutto è possibile anche se per questa Lucchese pare una mission impossibile.

Una alla volta, diceva il saggio. Dunque il Livorno che torna al Porta Elisa dopo oltre tre anni. L’ultima volta fu il 22 gennaio 2018 e la partita si concluse sul risultato di parità: 1 a 1. Lopez recupera Cruciani e spera di riavere anche Marcheggiani anche se le possibilità di vedere in campo l’attaccante non sono tantissime. Per il resto ormai le scelte e gli uomini sono quelli per cercare di compiere un’impresa che avrebbe del clamoroso.

FONTE NOITV

Share