Crisi musei lucchesi, Marchetti (FI): «7mila visitatori persi in 10 anni

L’ex sottosegretario al Mibact Marcucci cosa ha fatto quando poteva?»

Il Capogruppo regionale di Forza Italia aveva presentato una mozione
nel giugno 2018 per interessare del caso la Regione: «La ripresento», annuncia

«I musei statali lucchesi in dieci anni, dal 2007 al 2017, hanno perso 6.993 visitatori passando dai 26.615 del 2007 ai 18.622 del 2017. Queste le rilevazioni condotte dal Ministero per i beni e le attività culturali sulla cui scorta avevo presentato già nel giugno scorso una mozione per chiedere alla Regione di sollevare il problema delle carenze di personale anche in Conferenza Stato-Regioni, se necessario. Nel frattempo però, nella XV legislatura ovvero all’alba di questa parabola discendente, il senatore Andrea Marcucci era sottosegretario proprio al Mibact. Non se n’era accorto? E cosa ha fatto? Troppo comodo, ora, interrogare a favor di interesse mediatico per avere qualche titolo di giornale»: l’attacco arriva dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, che annovera l’interesse per la valorizzazione dei musei statali lucchesi di Villa Guinigi e Palazzo Mansi tra le prime e principali iniziative assunte dal momento del suo insediamento.
«Sì perché su Lucca dove già i musei nazionali sono azzoppati dalla mancanza di personale, emergenza ormai sovraregionale – spiega Marchetti – si abbatte anche la grucciata dell’esclusione dal circuito #domenicalmuseo, l’iniziativa che prevede l’ingresso gratuito in tutti i musei e nelle aree archeologiche statali ogni prima domenica del mese. La prossima sarà il 3 marzo 2019 e Lucca ancora non figura nel circuito, a differenza delle altre province. Cenerentola, praticamente».
Marchetti ora annuncia una nuova carica: «Visto che avevo già segnalato la questione in Regione ma nulla è cambiato in tutti questi mesi, torno alla carica e ripresento la mozione con cui intendo impegnare la giunta regionale, per quanto è nelle sue competenze naturalmente, a intervenire presso il Mibact affinché i due Musei Nazionali di Villa Guinigi e Palazzo Mansi siano per prima cosa inseriti nel circuito #domenicalmuseo. In più, vista l’esigenza ormai sovraregionale di implementare gli organici presso i Musei Nazionali, in Toscana attrattiva imprescindibile per i turisti di ogni parte del mondo, è mia intenzione spingere la giunta regionale a promuovere presso la Conferenza Stato-Regioni l’attivazione di iniziative strutturali volte al positivo superamento del problema. E vediamo se questa volta si muove qualcosa al di sopra, al di là e al di fuori di tutti questi balletti tra Pd e Pd».

Share