Covid-19: sindaco Pietrasanta, d’accordo con Capo Polizia Gabrielli per non militarizzare l’estate ma inasprimento su discoteche da parte Regione Toscana è stato tardivo

“Sono d’accordo con il capo della Polizia, Franco Gabrielli: non si può militarizzare l’estate. Certi accorgimenti devono diventare stili di vita. L’inasprimento dei protocolli nei confronti delle discoteche? Giusti ma sono tardivi. Andavano disciplinate prima e più chiaramente rendendo per esempio obbligatorio la tenuta del registro e non su base volontaria. Oppure andavano chiuse…”: così il sindaco di Pietrasanta, Alberto Stefano Giovannetti tornando a parlare del caso della ragazza pisana risultata positiva dopo una vacanza in Grecia che all’indomani, nonostante l’attesa per l’esito del test, aveva in ogni caso trascorso una serata in una discoteca di Marina di Pietrasanta. Gabrielli è stato ospite mercoledì 12 agosto del Caffè della Versiliana di Marina di Pietrasanta intervistato dal direttore della Nazione, Agnese Pini.

“Serve senso di responsabilità, serve una maggiore consapevolezza di un rischio che è ancora reale. Serve ancora avere prudenza e serve evitare gli assembramenti ed indossare la mascherina dove è obbligatorio. I controlli saranno sicuramente intensificati nel weekend di ferragosto e nei successivi, anche grazie sicuramente al supporto di tutte le forze dell’ordine, non solo nei confronti del luoghi della movida. – anticipa il primo cittadino – Due casi positivi su tre sono legati a persone rientrate dall’estero. Il test deve essere obbligatorio se torni dall’estero e devi restare in casa fino a che non ti arriva il risultato”.

Share