Coreglia: Il cda della Fondazione CRL comunica la concessione di un contributo per la nuova palestra scolastica

“Innanzitutto è¨ doveroso un ringraziamento al consiglio di amministrazione della Fondazione CRL ed in particolare al Presidente Marcello Bertocchini – commenta il Sindaco di Coreglia Valerio Amadei – per il supporto che ancora un volta hanno garantito ai progetti di questa amministrazione, consentendo così il completamento del complesso scolastico di Ghivizzano con la realizzazione della palestra scolastica e la completa sistemazione dell’area esterna. Il contributo di 450 mila euro si aggiungerà  ai fondi regionali già  stanziati per un costo complessivo delle opere di 1 MLN e 950 mila euro.”

Con questo ultimo intervento si completano gli interventi realtivi a tutti  e 4 i plessi scolastici comunali: scuola elementare e materna del Capoluogo, scuola elementare di Piano di Coreglia, scuola materna di Calavorno e scuola Elementare e media di Ghivizzano. I lavori, avviati nella scorso mandato, saranno quindi terminati entro il 2020.

“Sono stati anni impegnativi – continua il Sindaco Amadei – sia dal punto di vista dell’amministrazione, sopratutto per il reperimento delle risorse necessarie, circa 9.200.000,00 euro totali, sia per gli alunni e le famiglie che in alcuni casi hanno dovuto sopportare il disagio di sistemazioni temporanee.  Oggi però possiamo veramente essere orgogliosi di poter giungere al compimento di un’impresa veramente eccezionale che consentirà  a tutti i ragazzi del comune di poter godere di scuole nuove, funzionali e sopratutto sicure oltre a consentire l’utilizzo delle nuove strutture in caso di situazioni di emergenza per le esigenze di tutta la cittadinanza.”

“Come già  ribadito qualche giorno fa -conclude il Sindaco –  la miglior risposta a quanti continuano ad insinuare notizie o presagi nefasti per il futuro, come ad esempio il Consigliere Taccini, sono i fatti concreti che puntualmente smentiscono quanto viene dato per certo. Sia chiaro non intendiamo dare consigli o indicazioni di condotta a nessuno, ma crediamo che pensare di rendere un  buon servizio ai cittadini citando atti ammnistrativi o documenti protocollati, peraltro pubblici e accessibili a tutti, ma estrapolandoli dal loro contesto, secondo noi rischia solo di fare confusione, mentre sarebbe cosa più utile valutare i risultati realmente ottenuti, certamente assai più interessanti per gli abitanti del nostro territorio”.

Share