Quattro mesi di attività del Nucleo di sicurezza urbana della Polizia Municipale da settembre a dicembre: contrasto all’accattonaggio, al degrado del territorio e allo spaccio di stupefacenti

Con la fine del 2020 si è chiuso un quadrimestre (settembre – dicembre) di grande attività per il Nucleo di Sicurezza Urbana della Polizia Municipale di Lucca composto da sei agenti ed un ispettore. Il lavoro degli agenti si è suddiviso nel controllo del territorio e in interventi mirati a prevenire e contrastare fenomeni di degrado e le attività illecite.

Accattonaggio molesto e parcheggiatori abusivi: interventi nel centro storico e nelle adiacenze delle attività commerciali e in prima periferia (per un totale di 9 atti di polizia amministrativa per accattonaggio, 1 violazione delle norme sugli artisti di strada, 8 parcheggiatori abusivi). Bivacchi: controllo costante del centro storico, in particolare sono stati effettuati oltre 20 interventi per sgomberi e risanamento alle sortite dei baluardi San Martino e San Paolino. Le attività di controllo agli accessi al centro storico hanno reso necessari interventi di sgombero con immediate pulizie eseguite dagli operatori di sistema ambiente. le sortite e le porte sono i punti di accesso della città e non di rado offrono come riparo di emergenza a persone che non hanno alcun luogo in cui passare la notte. Si tratta di situazioni di estremo disagio che rendono necessario, quanto doveroso, l’approntamento di risposte che non si fermano alla contestazione di violazioni al regolamento di polizia urbana, ma che vedono attivare servizi sociali e le associazioni di volontariato con servizi mirati come accoglienza per i pernottamenti, pasti e supporto per evitare emarginazione e favorire autonomia e rientro nella vita sociale.

Ubriachezza molesta: interventi nel centro storico e nei parchi pubblici di periferia. Contrasto alla occupazione abusiva di immobili privati: è partito il censimento in tutto il territorio comunale degli immobili che presentano potenziali rischio di occupazione abusiva, per il momento sono state inviate 9 diffide a proprietari, a seguito di nota della Prefettura. Contrasto all’occupazione abusiva di immobili pubblici intervento in via San Nicolao (con denuncia dell’occupante abusivo anche per spaccio di sostanze stupefacenti), interventi al Parcheggio Cittadella, identificazione occupanti e rimozione materiali utilizzati per le occupazioni. l’intervento in via san nicolao si è caratterizzato per la collaborazione con polizia di stato (il coordinamento con le altre Forze dell’Ordine è una costante di queste operazioni). É stato intercettato uno spacciatore di sostanze stupefacenti in possesso di attrezzi del “mestiere” (bilancine elettroniche) e denaro contante presumibile provento dell’attività tutti sequestrati mentre l’immobile è stato messo immediatamente in sicurezza con la completa chiusura ( tamponatura in muratura di mattoni) dell’accesso alla parte che era stata abusivamente occupata.

Danneggiamento beni pubblici: accertamento e segnalazione all’autorità giudiziaria degli autori dei danneggiamenti al parcheggio Cittadella, rilevazione danneggiamenti al parco degli Osservanti e altri parchi di periferia. Il ripetersi di danneggiamenti nell’area destinata a parcheggio all’interno dell’ex manifattura tabacchi, ha visto chiudere l’attività investigativa con deferimento al tribunale dei minori di Firenze di due ragazzini, materiali esecutori, individuati in compagnia di altri ragazzi (tutti minorenni). in questo caso ha assunto particolare rilievo l’attività svolta insieme ai genitori dei ragazzi coinvolti, che hanno dimostrato sensibilità e piena disponibilità con gli agenti operanti, al fine di far comprendere ai propri figli il disvalore sociale che assumono certi comportamenti, oltre ai gravi rischi che possono correre ed alle eventuali conseguenze giudiziarie.

Contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti: sono stati effettuati circa 20 servizi congiunti e mirati con la Polizia di Stato, in collaborazione con il Radio mobile o le stazioni competenti per territorio dell’Arma dei Carabinieri con 16 sequestri di sostanze stupefacenti e di 560 euro provento delle attività di spaccio; 15 persone sono state deferite alla Prefettura di Lucca quali consumatori e 6 persone sono state denunciate per spaccio all’autorità giudiziaria. il contrasto alle attività legate allo spaccio di sostanze stupefacente vede il nucleo di sicurezza urbana particolarmente impegnato, sia con attività proprie sia con quelle organizzate in sinergia con la polizia di stato e l’arma dei carabinieri. Si tratta di un lavoro che deve essere eseguito in via continuativa, che richiede un costante monitoraggio del territorio e una azione investigativa da dispiegare utilizzando anche le risorse tecnologiche disponibili.

Controlli COVID: eseguiti su tutto il territorio e, in particolare, in strutture con presenza di stranieri, all’interno dei servizi ordinari con pattuglie dedicate in via esclusiva anche all’ordine pubblico. Le attività hanno portato all’adozione di 18 ordini di allontanamento dal comune (DACU), al deferimento all’autorità giudiziaria di 22 persone (di cui 14 stranieri e 8 italiani) per vari reati e all’identificazione di ulteriori 137 persone, con l’esecuzione di 31 sequestri di materiali vari.

Attività di polizia giudiziaria: sono state trasmesse 13 notizie di reato all’autorità giudiziaria in ipotesi di violazione, per reiterazione dell’attività di parcheggiatore abusivo, per abusiva invasione di terreni o edifici (pubblici e privati), per irregolare presenza di extra-comunitari sul territorio nazionale. Le attività suddette hanno visto indagati 12 cittadini stranieri e 7 italiani sviluppate 3 deleghe dell’autorità giudiziaria; redatte inoltre 47 annotazioni di polizia giudiziaria ed effettuate identificazioni e perquisizioni di iniziativa e delegate dalla Procura della Repubblica; inoltre, anche alcune identificazioni e perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Pistoia.

Ricapitolando le attività di polizia amministrativa sono state contestate le seguenti violazioni: 10 atti vietati per contrasto con la sicurezza urbana, 9 accattonaggio, 1 violazione delle norme sugli artisti di strada, 8 parcheggiatori abusivi, 10 per infrazioni a decreti sull’emergenza COVID , 3 violazioni alle norme sul Commercio della Regione Toscana, 18 provvedimenti di allontanamento dal territorio comunale, 1 proposta di foglio di via dalla Questura su reiterazione di violazioni. Il Nucleo ha effettuato inoltre ordinariamente servizi serali e festivi, di pronto intervento, in centrale operativa, al front-office, di sorveglianza ai plessi scolastici.

Parcheggiatore abusivo in piazza Santa Maria fermato e denunciato dalla Polizia Municipale

Nella mattinata del 20 gennaio scorso il Nucleo sicurezza urbana della Polizia Municipale di Lucca ha fermato un extracomunitario di nazionalità ghanese intento nell’attività di parcheggiatore abusivo in piazza Santa Maria. Nelle fasi di verifica sulla persona è emerso il possesso illegittimo di due coltelli, rendendo così necessario l’accompagnamento presso il Comando per la formale identificazione e la denuncia a piede libero con sequestro probatorio dei coltelli. La persona identificata non ha provvedimenti pendenti ma precedenti specifici per il possesso abusivo di strumenti atti ad offendere ed è alloggiata in un centro di accoglienza ubicato nel nostro territorio. Per l’attività abusiva di parcheggiatore è stata contestata la violazione amministrativa, con sequestro dei proventi raccolti fino a quel momento. L’autorità giudiziaria è stata informata delle operazioni effettuate.

Share