Continuano gli interventi ai cimiteri del comune di Pescia

Giurlani “Dobbiamo recuperare decenni di abbandono assoluto”
 
I tanti lavori per rendere presentabili i cimiteri dell’intero territorio comunale hanno permesso ai parenti dei defunti di commemorare i loro cari senza particolari disagi, ma l’amministrazione comunale di Pescia intende proseguire nella complessa opera di miglioramento di strutture che per decenni sono state lasciate abbandonate a se stesse.
“Gli uffici comunali hanno lavorato intensamente e io stesso ho fatto tanti sopralluoghi per rendermi conto di persona della situazione e, devo dire, molti piccoli lavori di ripulitura sono stati fatti egregiamente- ha detto il sindaco di Pescia Oreste Giurlani -. Purtroppo su questo tema abbiamo ereditato una situazione catastrofica e chi oggi cerca di strumentalizzare la situazione, ha sulla coscienza il fatto che, per incapacità o disinteresse, non ha fatto niente per i cimiteri, quando ne aveva piena possibilità. Da parte nostra stiamo per partire con il primo lotto di un progetto molto importante, in attesa di procedere con la costruzione di nuovi loculi e poter disporre del piano operativo per lavorare sulla montagna”.
Sui cimiteri l’amministrazione comunale ha investito molto, dal suo insediamento. Insieme alla realizzazione di nuovi loculi e ossari al fabbricato C,  è stato infatti elaborato un progetto di recupero e ristrutturazione di quello monumentale che prevede un esborso pari a 650mila euro complessivi, del quale sta per partire il primo lotto, per una spesa   complessiva di 250mila euro. Negli obiettivi dell’amministrazione comunale c’è poi la creazione di circa 400 nuovi loculi, che serviranno a finanziare una ulteriore ristrutturazione dei cimiteri, in attesa che le nuove previsioni contenute nel piano operativo permettano di intervenire più compiutamente un po’ ovunque, con particolare riferimento alla montagna pesciatina. Un’altra opera significativa è quella prevista al cimitero di Collodi, finanziata con 420mila euro dalla Commissione Interministeriale Programmazione Economica nell’ambito del piano Proteggitalia.

Share