CONTINUA LA BATTAGLIA DELLA FILCAMS CGIL PER I LAVORATORI STAGIONALI

Dopo i presidi già svolti sulla passeggiata di Viareggio il 29 luglio ed il 30 agosto, domani giovedì 1 settembre a Forte dei Marmi in Piazza Navari sul lungomare nei pressi del Pontile dalle 18 alle 21 si svolgerà il terzo presidio informativo della Filcams CGIL per i lavoratori stagionali. Tale iniziativa fa parte della  campagna di mobilitazione promossa dalla Filcams CGIL Nazionale dal titolo  “SummerWar: #ifantastici400000”, con la quale vogliamo mettere in evidenza il faticoso lavoro di tanti eroi invisibili che lavorano nel Turismo come cuochi, bagnini, camerieri, baristi, portieri di notte.images (1)

Contro una tradizione nanoimprenditoriale che in Versilia come altrove elude gravemente le regole violando i diritti dei lavoratori  e delle lavoratrici vogliamo contrapporre un’azione incisiva che porti innanzitutto informazione e consapevolezza tra i lavoratori, che metta a loro disposizione concreti strumenti di tutela e che generi, perché no, consapevolezza anche fra i turisti che dei servizi dei lavoratori stagionali si avvalgono.

Siamo quindi a informare circa lavoro nero, lavoro grigio, finti part time, abuso del lavoro accessorio (voucher), contratti a chiamata, violazioni di quanto previsto dal CCNL (Contratto che attende di essere rinnovato da oltre 3 anni).

E poi ci sono le penalizzazioni della Naspi, rispetto alle quali la Filcams CGIL Nazionale si è già attivata presso il Ministero affinché si rimetta mano alla legge.

A giugno scorso la Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs, e le Associazioni datoriali Federalberghi, Faita Federcamping Confcommercio hanno siglato un avviso comune per richiedere al Governo misure concrete ed immediate a tutela del lavoro stagionale nel Turismo, fortemente penalizzato dalla nuova assicurazione sociale per l’impiego in vigore dal 1° gennaio 2016.

Le parti sociali firmatarie del contratto del Turismo hanno in particolare sollecitato la revisione della normativa sulla Naspi che, nell’attuale formulazione, comporta la drastica riduzione delle tutele reddituali e contributive per i 400mila lavoratori stagionali del comparto, prevedendo il dimezzamento della durata e del sussidio di disoccupazione.

E poiché continua inoltre la grande mobilitazione indetta dalla CGIL per promuovere, attraverso una legge di iniziativa popolare e tre referendum abrogativi (tra cui i voucher) una riscrittura delle regole del nostro mercato del lavoro, rivoluzionato (in negativo) dal Jobs Act, nell’occasione sarà possibile firmare per la Carta dei Diritti Universali del Lavoro, il Nuovo Statuto di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori.

Filcams CGIL Lucca

Valentina Gullà

Daniela Ricchetti

Giorgio Rocchiccioli

 

Share