Conferita la cittadinanza onoraria a Yves Gérard, massimo studioso di Boccherini

Al Centro studi Luigi Boccherini sarà accessibile un’amplissima collezione di fonti boccheriniane

Si è svolto oggi (mercoledì 28 settembre) a Palazzo Santini il Consiglio Comunale durante il quale è stata conferita la Cittadinanza Onoraria a Yves Gérard, giù docente del Conservatorio di Parigi, musicologo di fama internazionale e autore di importanti studi sulla musica francese.

Prima di iniziare il Consiglio, l’assemblea consiliare ha ricordato il recente lutto legato alla famiglia del consigliere Mauro Macera.

Il nome di Gérard è indissolubilmente legato a quello di Luigi Boccherini. Ciò scaturisce in particolare dal monumentale catalogo delle opere del musicista lucchese da lui realizzato in oltre dieci anni di lavoro ininterrotto e pubblicato nel 1969. Tale volume, nel settore della musicologia, è ritenuto un modello metodologico insuperato e un’opera imprescindibile per chiunque si avvicini agli studi su Luigi Boccherini.

L’opera di Gérard in rapporto agli studi su Luigi Boccherini è proseguito con un paziente lavoro di acquisizione e di analisi delle nuove fonti boccheriniane. Ad animare tale impresa la consapevolezza che il catalogo del ’69, pur nella sua imponenza scientifica, era la prima e più importante tappa di un percorso che si annunciava fin da allora lungo e tortuoso. E’ pertanto encomiabile la lungimiranza con la quale, nell’anno 2005, Yves Gérard coglieva tutte le potenzialità offerte dalla costituzione del Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario boccheriniano e dell’affiliato Centro studi Luigi Boccherini, quest’ultimo destinato a divenire un’istituzione permanente.

Nell’estate scorsa Gérard comunicò la sua decisione di donare al Centro Studi Boccherini il suo intero patrimonio boccheriniano.

Il materiale è pervenuto a Lucca lo scorso 21 settembre e consiste nella collezione completa dei materiali raccolti da Germaine de Rothschild e dallo stesso Gérard. Si compone tra l’altro di dischi in vinile e di edizioni originali di musiche di Boccherini, nonché dell’intero materiale di lavoro e dell’intera collezione di microfilm che hanno condotto alla redazione del catalogo.

In tal modo, al Centro studi Luigi Boccherini diverrà accessibile un’amplissima collezione di fonti boccheriniane disseminate nelle biblioteche di tutto il mondo.

Share