Conferenza – La flora delle Alpi Apuane e della Pania di Corfino

sabato 6 aprile

 

La flora che oggi vive sulle Alpi Apuane racconta una lunga storia fatta di eventi biologici, climatici e geologici che hanno plasmato il territorio rendendolo come lo conosciamo oggi.
Si tratta di una storia fatta anche di migrazioni, con piante venute da molto lontano e che oggi continuano a (r)esistere nella forma originaria e per questo vengono definite “relitte” e altre che invece, trovandosi in un ambiente nuovo e diverso, hanno dovuto evolversi per sopravvivere divenendo specie “endemiche” delle nostre montagne.

 

 

 

 

 

 

 

L’incedere dell’attività estrattiva delle cave di marmo costituisce una seria minaccia per molte di queste specie, uniche al mondo, e dei loro habitat tutelati a livello comunitario.
Per questo motivo diviene urgente l’attuazione di efficaci misure di conservazione volte alla salvaguardia dell’inestimabile patrimonio ambientale e paesaggistico apuano.
La flora apuana presenta inoltre importanti affinità ambientali-paesaggistiche con quella di un vicino massiccio calcareo appenninico, la Pania di Corfino, e queste si riflettono sulla flora presente, assai simile a quella apuana.

Per ciascun territorio di riferimento, esistono strutture deputate a conservare e far conoscerle queste peculiarità naturalistiche, principalmente per quel che riguarda la flora: l’Orto Botanico delle Alpi Apuane e il Giardino Botanico Pania di Corfino, il primo ricadente all’interno del Parco delle Alpi Apuane e il secondo nel Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, ed entrambi gestiti da Associazione “Aquilegia” Natura e Paesaggio Apuano ONLUS, in collaborazione con l’Università di Pisa.

Andrea Ribolini, Gemma Giannetti ed Emanuele Cheli terranno insieme questa interessante conferenza, volta sia a divulgare gli aspetti di interesse naturalistico sia a promuovere i due orti botanici montani che andranno a presentare.
Luoghi deputati alla conservazione della biodiversità, ma anche alla valorizzazione del territorio di riferimento.

Share