Condoni edilizi: entro il 31 dicembre 2019 i privati dovranno presentare il progetto di riqualificazione, pena la decadenza del condono e la demolizione dei manufatti

lucca – Si ricorda che fino al 31 dicembre 2019 sarà possibile presentare i progetti di riqualificazione sui manufatti oggetto di condono edilizio già subordinati a un progetto di consolidamento-restauro.
L‘amministrazione comunale intende in questo modo eliminare le pendenze amministrative connesse alla gestione dei condoni edilizi, con l’obiettivo di giungere alla piena certezza dello status giuridico degli immobili esistenti, ma soprattutto eliminare quei manufatti che non sono in linea con le caratteristiche urbanistiche e paesaggistiche del territorio comunale.

 

 

 

 

 

 

I privati che hanno ottenuto il condono edilizio subordinato alla esecuzione di un progetto di consolidamento-restauro e non abbiano ancora ottemperato a tale esecuzione, potranno quindi procedere al consolidamento e alla riqualificazione dei fabbricati sulla base dei progetti a suo tempo proposti che, per il rinnovo, dovranno essere presentati entro e non oltre il 31 dicembre del 2019. Tali progetti potranno prevedere anche una soluzione diversa da quella originaria, purché conforme alle norme nel frattempo sopraggiunte in materia edilizia.
Per coloro invece che non presenteranno i progetti entro la data stabilita del 31 dicembre 2019 sarà avviato il procedimento che porterà alla perdita di efficacia delle concessioni edilizie in sanatoria e i manufatti oggetto di condono saranno demoliti.

Share