Conclusi gli interventi del Consorzio sul Torrente Castiglione al confine tra Pieve Fosciana e Castiglione Garfagnana: cantiere da 139mila euro per la messa in sicurezza della zona

Si è concluso l’impegno del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, nel ripristino della sicurezza Idraulica del Torrente Castiglione, collocato sul confine tra Pieve Fosciana e Castiglione di Garfagnana. La realizzazione dei lavori è stata possibile attraverso i finanziamenti dell’Unione europea, ricercati ed ottenuti dal Consorzio sulla linea di stanziamento del Piano di Sviluppo Rurale.

Le azioni di messa in sicurezza del torrente hanno richiesto un investimento complessivo di 139mila euro, utilizzati per realizzare le necessarie opere di difesa spondale attraverso la costruzione di una scogliera lunga circa 50 metri in massi ciclopici cementati, e di una canaletta in legname e pietre realizzata per far confluire nel rio l’acqua di scorrimento superficiale. Interventi, ancora una volta, non invasivi per l’equilibrio ambientale dell’area interessata.

“Un’altra opera di notevole importanza, che si inserisce nell’ambito di una serie di numerosi interventi compiuti dall’ente consortile, grazie all’intercettamento di finanziamenti dell’Unione Europea, diretti alla soluzione delle importanti criticità registrate nelle zone interessate dai pregressi eventi alluvionali  – afferma il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – azioni, che hanno inoltre comportato una opportunità di lavoro per i professionisti e le aziende del territorio chiamati a intervenire”.

“Si tratta di una operazione di grande valore per la sicurezza del nostro territorio – aggiungono i sindaci di Pieve Fosciana e di Castiglione di Garfagnana Francesco Angelini e Daniele Gaspari – che si era resa straordinariamente urgente dopo gli ultimi eventi alluvionali. Lodevole, quindi, il tempismo con cui è stato compiuto l’intervento da parte del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, da sempre a fianco delle Amministrazioni comunali nel risolvere questo tipo di criticità. Quello che si è appena concluso, tra l’altro, non è che il primo di una serie di interventi simili, già programmati sul nostro territorio”.

Share