COMUNE DI PESCAGLIA – scadenze TARI e agevolazioni per aziende e privati.

Nel Consiglio Comunale di lunedì scorso abbiamo approvato, con i soli voti della maggioranza, le tariffe, le scadenze e soprattutto le agevolazioni per le tasse comunali dell’anno 2020.
Per ciò che riguarda l’IMU, benchè il legislatore avesse dato l’opportunità di aumentare le tariffe, abbiamo invece ritenuto, in virtù della situazione emergenziale, di non effettuare alcun aumento tariffario e pertanto vengono in toto confermate le aliquote IMU già in vigore nelle precedenti annualità.
Le Tariffe Tari 2020 non si discostano in modo significativo da quelle approvate nell’anno 2019 ed in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso ed allo scopo di ricucire il tessuto socio economico compromesso dal Covid 19 come Amministrazione Comunale di Pescaglia abbiamo deciso di promuovere, come promesso, alcune riduzioni della tariffa:
– Per le utenze non domestiche: abbiamo previsto una riduzione del 50% della tariffe per le attività che hanno maggiormente subito un danno economico legato alla chiusura imposta per emergenza sanitaria. Tali riduzioni sono a carico del bilancio dell’Ente (cira 70mila euro) e non della collettività dei contribuenti. Lo sconto sarà già “in bolletta”.
– Per le utenze domestiche: abbiamo stanziato un fondo per assegnare contributi (attraverso un bando che verrà a breve pubblicato) per il pagamento della TARI per tutte le famiglie che si trovano in condizioni di indigenza o di sopravvenuta difficoltà economica causata dall’epidemia in corso. Verranno utilizzati criteri oggettivi quali Isee, carichi familiari e perdita di reddito comparativa rispetto all’anno precedente. Tali riduzioni sono a carico del bilancio dell’Ente (circa 14mila euro, cioè 10mila euro in più degli scorsi anni) e non della collettività dei contribuenti.
Si tratta di uno sforzo economico notevole per il nostro Comune ma come Amministrazione abbiamo ritenuto di dover dare un segnale forte di aiuto ad attività produttive e famiglie.
Queste le scadenze delle tre rate in cui è diviso il tributo:
• 1° rata: 30 novembre 2020
• 2° rata: 30 gennaio 2021
• 3° rata: 30 marzo 2021
Il differimento di due rate della TARI 2020 nel 2021 comporterà un differimento anche per la TARI relativa all’anno 2021, così da non gravare troppo sul bilancio di famiglie e aziende.
L’emergenza ci ha colpito duramente, ma noi ci siamo.

 

Share