8 comportamenti da evitare durante la separazione per salvaguardare i bambini

Si sa che, da che mondo è mondo, la scelta di divorziare è spesso molto difficile e impegnativa, tanto per i genitori quanto per i figli. Se poi ci sono dei bambini coinvolti è sempre più importante cercare di preservarli quanto più possibile da ulteriori sofferenze.

Non sempre si arriva al divorzio con un percorso lineare, anzi, il più delle volte è la fine di un processo travagliato e impegnativo, che inevitabilmente tocca tutti i membri della famiglia. Separazione e divorzio spesso sono necessari e sanciscono un nuovo inizio: la costruzione di un nuovo modo di “fare famiglia”.

In questa nuova prospettiva è importante dar tempo anche ai più piccoli di adattarsi per vivere il tutto nella maniera più serena possibile. Ecco 8 consigli che potrebbero essere d’aiuto sui comportamenti da tenere e non tenere con i figli.

immagine: Unsplash

1) Le colpe non sono le sue

Aiuta innanzitutto il bambino a capire che la colpa di quanto succede non è sua. I bambini, infatti, non comprendendo tutte le sfaccettature della situazione tendono a credere che hanno delle responsabilità su quanto accaduto. Spiega tranquillamente che non ha colpe: solo così potrete andare avanti insieme.

2) Non vivere di sensi di colpa

Ecco, ora che hai spiegato ai bambini che non hanno colpa, liberati anche tu dei sensi di colpa. Accettare un fallimento non è mai semplice e di sicuro non è di aiuto “martoriarsi” per le proprie colpe. Indietro non si torna, ma occorre andare avanti anche per loro.

3) Ricorda chi è l’adulto

L’adulto sei tu. Magari tuo figlio sembra capire, sembra sempre responsabile, sembra “grande”. Ma non lo è. Tu sei l’adulto e devi sostenerlo anche laddove non sembra ci sia bisogno.

4) Non metterlo tra due fuochi

Il bambino non dovrebbe scegliere con chi stabilirsi, sarebbe più opportuno non metterlo in condizioni di prendere questa difficile decisione tutto da solo. Occorre ascoltarlo e parlarci, ma la scelta finale dovrebbe essere sempre di comune accordo da parte dei genitori.

immagine: Pxhere

5) Non cercare di essere il preferito

Tuo figlio ti ama, così come ama l’altro genitore. Non tentare di corromperlo con regali o cercando di accontentarlo in tutto. Così non lo aiuti, anzi, lo disorienti.

6) Terzo grado? Anche no

Basta con tutte le domande “E cosa dice il papà”, “Cosa fa la mamma”… Lui non c’entra niente nelle vostre diatribe. Ha il diritto di essere figlio e basta.

7) Non parlare male dell’altro

Inutile e dannoso continuare a parlar male dell’altro. Per quanto magari possa aver sbagliato come moglie o marito, magari è un ottimo genitore. Dai una possibilità ai tuoi figli di essere figli anche dell’altro genitore: lo fai per loro.

8) Non proibire di vedere l’altro

E questa è la cosa più drastica che potresti fare, ma anche la più pericolosa. Se il bambino ha due genitori ha il diritto di viverli entrambi, ognuno a suo modo, impostando con ognuno un diverso rapporto. Non usare tuo figlio come arma di ricatto per ferire l’altro.

Hai sofferto e potresti avere tutte le ragioni del mondo, ma faresti male a tuo figlio. Divorziare è spesso una battaglia, ma ricordiamoci sempre che i primi feriti potrebbero essere proprio i bambini.

Share