Maurizio Marchetti, Sindaco di Altopascio e coordinatore provinciale di Forza Italia.

Maurizio Marchetti, Sindaco di Altopascio e coordinatore provinciale di Forza Italia.

Superati i quattro giorni dei Comics che hanno reso Lucca centrale nel panorama mondiale della cultura popolare, è giunto il tempo di un primo bilancio sull’edizione appena conclusa: “Complimenti ai Comics, bene la viabilità, malissimo la gestione dei negozi temporanei che hanno penalizzato tanti operatori – dichiara Maurizio Marchetti. – Intanto non è scontato fare i complimenti al presidente Francesco Caredio e al direttore Renato Genovese come rappresentanti dell’intera macchina organizzativa della manifestazione che ha, ancora una volta, dato dimostrazione di grande professionalità e efficienza. Un plauso va anche a chi ha organizzato la mobilità, perché quest’anno i disagi alla circolazione sono stati decisamente contenuti. Tante macchine, qualche sosta selvaggia ma il traffico non ha avuto gli imbottigliamenti dello scorso anno.

Una severa critica va indirizzata invece a chi non ha vigilato e di fatto autorizzato un proliferare di negozi temporanei che hanno offeso in molti casi il decoro della città, lo stesso che viene invocato quando si vietano i banner del Summer che al confronto sono opere d’arte, e, sopratutto, praticato concorrenza sleale ai negozi fissi, principalmente in ambito alimentare.

Non è giusto, sotto nessun profilo, che si permetta a persone che spesso si cimentano nella somministrazione di prodotti alimentari per la prima volta di essere avvantaggiati rispetto ai negozi e esercizi che tutto l’anno lavorano in questo settore, vessati da tasse elevatissime e sottoposti a controlli accurati che non fanno, giustamente, passare nulla. I molti scontrini irregolari sono poi una ulteriore riprova che per il futuro è necessaria una severa regolamentazione in questo ambito. Giusto offrire nuovi servizi per soddisfare la richiesta della massa di persone che arrivano, ma non sulla pelle di commercianti e esercenti fissi e permettendo di compromettere veramente l’immagine di Lucca agli occhi delle migliaia di nuovi visitatori”.

Share