20915260_1366055520160357_4899511350986731536_n

COME SI FACEVANO I NECCI UNA VOLTA

In lucchesia e in Garfagnana (non sò se usava anche da altre parti) i necci venivano fatti in dischi di pietra che venivano ben riscaldati al fuoco, ricoperti di foglie di castagno, messa la pastella di farina di castagne ricoperti ancora di foglie e accatastati con altri dischi di pietra fino a finire dischi e ingredienti, il calore delle pietre cuoceva il neccio.
Le foglie di castagno vanno raccolte in settembre, pulite dalla polvere con uno straccio umido e riposte in maniera che non si secchino troppo e usate poi con la farina nuova che si ha solo a dicembre.
L’impasto abbastanza morbido è costituito di farina di castagne, un pizzico di sale e acqua di fonte.
I dischi di pietra sò che si possono acquistare ancora oggi in Lunigiana e in alcune zone della Versilia, più difficilmente in lucchesia e Garfagnana.
I testi delle foto sono visibili al “museo del castagno” a Colognora di Pescaglia. RICETTA DI EZIO LUCCHESI

Share