Coronavirus: in Germania, in preparazione delle feste, nel mese di dicembre potranno vedersi fino a 5 persone facenti parte al massimo di due nuclei abitivi, esclusi i ragazzi sotto i 14 anni (quindi 5 adulti + bimbi/adolescenti).
Per le feste, il motto della Germania è “Nessuno dovrà vivere le vacanze di Natale in solitudine” e quindi si potranno incontrare fino a un massimo di 10 persone, sempre escludendo dal conto gli under 14.
La Francia ha già detto che la scuola apre a fine gennaio e ha dato date per la riapertura delle attività al momento chiuse. Ha fatto una scelta di contenimento (in Francia i numeri erano volati parecchio), ma almeno adesso i francesi possono organizzarsi e passare le festività sapendo quando riaprono.
Siccome ritengo che l’Italia sia un grande Paese al pari di Germania e Francia, bisogna che si impari da questi la cultura della programmazione.
Governare obbliga a prendere decisioni e a guardare un po’ più in là dell’immediato, perché i cittadini hanno diritto di vivere al meglio.
Dobbiamo coniugare la lotta al Covid con il bisogno di umanità.
Mi auguro che ci siano date poche e chiare regole, senza invadere la sfera personale, e che ci prospettino cosa accade da qui ad almeno fine gennaio.

LUCA MENESINI

Share