CLUSTER A STOCCARDA CON I SUOI COMPOSITORI ED ESECUTORI

L’Associazione Cluster di musica contemporanea continua la sua attività internazionale con

produzioni esportate all’estero attraverso i suoi 40 compositori . Venerdì 29 gennaio, presso la

Großer Sitzungssaal del palazzo comunale di Stoccarda (Germania), si terrà alle ore 19 il concerto

dal titolo “Neapolis” nato dalla collaborazione tra la Cluster, l’Istituto Italiano di Cultura e

l’associazione Arces. Un’iniziativa nata dopo il grande successo che la Cluster ebbe nel settembre

scorso a Baku, capitale dell’Azerbaijan. Allora fu l’orchestra di Stato a interpretare le originali

trascrizioni di motivi napoletani. In questo caso la Cluster “esporterà” l’Etymos Ensemble

(ensemble in residence dell’associazione) composto da Marco Mustaro (tenore), Francesco Gatti

(flauto), Antonio Capula (clarinetto), Maicol Pucci (tromba), Nicola Bimbi (oboe), Mauro Fabbri

(direttore e pianista).  I compositori “Cluster” che sono stati coinvolti in questo progetto

internazionale sono: Manfred Giampietro, che ha orchestrato “ Un amore così grande”, Arduino

Gottardo con “Torna a Surriento”, Antonio Bellandi con “O surdato ‘nnamurato”, Guido Masini con

“O sole mio”, Gabriele Caselli con “Funuculi funicula”, Eduardo Dinelli con “Mamma”, Giovanni

Berdondini “Tu vuò fa l´americano” e Mauro Fabbri con “Non ti scordar di me”. Il programma del

concerto vedrà anche l’esecuzione in prima assoluta del brano di Francesco Cipriano “Te voglio

bene”, di Francesco Maggio “Ta-ngo-rantella” e del brano “Neapolis” del direttore artistico della

Cluster Girolamo Deraco, a coronamento di una serata di stampo lucchese.

Share