Nel parterre de rois, tra le eccellenze che vanta il Festival Cibart edizione 2019, che si terrà questo fine settimana, a Seravezza, troviamo la Dott.ssa Sara Taglialagamba, che è stata a lungo storica collaboratrice del Professor Carlo Pedretti, considerato il maggior esperto al mondo di Leonardo Da Vinci.

La Dott.ssa Taglalagamba, storica dell’arte, docente e ricercatrice, è entrata a far parte, nel corso degli anni, del gruppo dei massimi studiosi di Leonardo. Ha insegnato presso prestigiosi Istituti in Italia (Politecnico di Milano) e all’estero, pubblicando monografie e articoli ricevendo riconoscimenti di altissimo livello. Non ultimo è stata scelta come TED speaker entrando dunque nel gruppo internazionale dedicato alle menti più brillanti in grado di cambiare il mondo.

Invitata a partecipare al post dottorato di ricerca alla Sorbonne di Parigi, lavora adesso alla Fondazione Rossana e Carlo Pedretti e è anche borsista al Museo Galileo di Firenze.

Nel suo libro, “Automazioni e robotica di Leonardo da Vinci”, pubblicato nel 2010, Individuava la reale funzionalità del primo prototipo di robot progettato da Leonardo nel 1494 e proponeva la ricostruzione del famoso leone meccanico realizzato da Leonardo nel 1515 per L’entrata di Francesco I a Lione. Per questo aveva ricevuto una menzione d’onore dalla rivista Scientific American, in un articolo su alcuni robot costruiti alla Nasa.

I suoi campi di studio prediletti sono quelli della meccanica statica e dinamica, delle automazioni, della robotica, dell’ingegneria, dei congegni idraulici e pneumatici, delle fontane e dell’orologeria.

Già visiting professor al dipartimento di Robotica della UNAM di Mexico City, lo sarà anche quest’anno alla UCLA (LA, USA).

Al Festival Cibart, nella serata di sabato 27 luglio, avremo l’occasione, non solo di partecipare alla presentazione del suo ultimo capolavoro dedicato all’approfondimento su Leonardo Da Vinci e i quattro elementi.

Impossibile non celebrare in maniera inedita una mente così brillante che tutto il mondo ci invidia!

 

Share