DOMANI TEATRO: “CI VUOLE FEGATO”, I DESTINI DI DUE FRATELLI. PER L’ATTORE LIVORNESE FABRIZIO BRANDI UN GRADITO RITORNO A SERAVEZZA20190119_ci-vuole-fegato-fabrizio-brandi

Seravezza_ Terzo e ultimo appuntamento di gennaio al teatro delle Scuderie Granducali di Seravezza. Martedì 22 con inizio alle 21:15 va in scena “Ci vuole fegato”, di e con Fabrizio Brandi. Per il brillante attore livornese un gradito ritorno dopo l’applaudita performance dello scorso anno in “Blocco 3”.

Scritto a quattro mani con Francesco Niccolini, “Ci vuole fegato” è “un racconto struggente e ironico sui destini di due fratelli che nel tempo si incontrano e si allontanano”, come si legge nella presentazione dello spettacolo. “Siamo nel maggio 2002 e mentre il sole tramonta dietro le montagne del Mugello, Mario Nesi è lanciato sull’autostrada Firenze-Bologna. Ha ricevuto una telefonata dall’ospedale di Bologna, è in ansia e corre dal fratello Ivano. Nel tempo del viaggio, Mario – tra una sosta all’autogrill e qualche incontro inaspettato – ripercorre con i ricordi la storia dei fratelli Nesi: il padre che ha perso il lavoro per un grave infortunio, la madre che decide di far crescere Ivano con gli zii benestanti, la ricerca di un lavoro sicuro, la voglia di Mario di viaggiare. Divisi da un rancore progressivo, i due fratelli a un certo punto si scoprono estranei, finché un evento inatteso complica tutto e rompe l’argine che li ha tenuti separati”.

I biglietti per lo spettacolo si acquistano martedì mattina dalle 10 alle 13 presso la segreteria della Fondazione Terre Medicee (Palazzo Mediceo di Seravezza, telefono 0584 756046, e-mail segreteria@terremedicee.it) oppure online e nei punti vendita del circuito http://www.vivaticket.it. Se ancora disponibili, potranno essere acquistati anche martedì sera a partire dalle ore 20:30 direttamente al botteghino delle Scuderie Granducali.

Share