Cento cene per Slow Wine a LuccamenuDIAVOETTI


5 gli appuntamenti a Lucca con 25 vini dalla guida più letta d’Italia. Il primo ai “Diavoletti” di Camigliano.

Una guida tira l’altra. Dopo la presentazione a Lucca della guida alle Osterie d’Italia 2018 di lunedì scorso ci aspettano gli appuntamenti con la presentazione della Guida SlowWine 2018 direttamente in enoteche e ristoranti.

“Riteniamo, infatti, che il vino vada bevuto nel suo giusto contesto, ovvero con le gambe sotto un tavolo e accompagnato da piatti adeguati a esaltarne le caratteristiche.” Dicono i redattori della Guida. E le presentazioni della guida non fanno che assecondarli. Ogni presentazione si terrà infatti nel corso di una cena con i vini delle aziende che hanno avuto un riconoscimento nella Guida Slow Wine 2018 (5 etichette diverse per ogni cena, scelte tra Vini Slow, Grandi Vini e Vini Quotidiani).

A Lucca, dal 23 novembre al 20 dicembre, sono ben 5 gli appuntamenti con le “CentoCene” e con i vini della guida.

Si comincia venerdì 23 novembre, appunto, al ristorante i Diavoletti di Camigliano dove Alda e Paola Bosi hanno preparato un menù d’autunno degno di questa data di apertura a base di insalata tiepida di maiale, finocchietto selvatico e aroma di arancia, tagliatelle di grani antichi della Toscana al ragù di coniglio, panino di Roveja, stracotto di maiale in olio di oliva, scarola rifatta e pecorino, trippa dei Diavoletti, torta morbida di farina di castagne e mousse di cachi… per non parlar dei vini!

In sala Fabio Pracchia, lucchese di nascita e di formazione enologica, vice curatore della guida Slow Wine e autore del fortunato libro “I Sapori del vino” (Slow Food editore), racconterà i vini scelti per la serata insieme ai produttori presenti.

La guida, presentata a livello nazionale lo scorso settembre a Montecatini, dal 15 novembre parte quindi per una “tournee” in tutta Italia. I partecipanti alle cene la riceveranno in omaggio. Nell’edizione 2018 sono 5 le aziende lucchesi premiate con la “chiocciola” il massimo riconoscimento, assegnato a Fabbrica di San Martino, Podere Concori e Tenuta di Valgiano, mentre sono premiati “vino quotidiano”, il Linchetto 2016 di Valle del Sole e il Casa e Chiesa 2015 di Tenuta Lenzini.

CentoCene per Slow Wine, riscuote sempre un notevole successo di pubblico e lo scorso autunno ha coinvolto oltre 3.000 appassionati di enogastronomia in tutta Italia.

La formula stessa ne decreta il successo. “La serata conviviale è il modo migliore per far capire fino in fondo il senso del lavoro della redazione”. Si legge sul sito di Slow Wine. Un lavoro che si svolge più nelle vigne che dietro una scrivania per una guida che ha l’ambizione di raccontare non solo il contenuto della bottiglia ma il territorio, le persone, le atmosfere in cui i vini vengono prodotti, la passione e la competenza di vignaioli. Altrettanta passione dimostrano sempre i cuochi che si danno da fare per accompagnare al meglio (una volta tanto sono le pietanze pensate per i vini) i vini scelti.

 

Le prossime “CentoCene” a Lucca, realizzate in collaborazione con la Condotta Slow food Lucca, Compitese Orti Lucchesi, saranno il 30 novembre all’Antica e premiata Tintoria Verciani il Mecenate a Lucca, il 13 dicembre alla Locanda Buatino, il 14 dicembre all’Osteria dal Manzo, il 20 dicembre all’Osteria dello Stellario.

 

Per prenotazioni al ristorante Diavoletti  0583 920323 – paolabosipaola@gmail.com

Share