Marchetti “Ceccarelli sa bene che la regione Toscana e il Pd sono gli unici responsabili della mancata realizzazione del raddoppio della ferrovia”
Sinceramente mi aspettavo maggiore fantasia, vista la lunga esperienza politica di Ceccarelli, nella risposta che ha potuto darmi sul problema dell’interruzione della linea ferroviaria fra Pistoia e Lucca di qualche giorno fa.
Segno evidente che sa benissimo che la responsabilità delle mancate realizzazioni strategiche come il raddoppio della ferrovia Pistoia-Firenze sono esclusivamente da imputare alla Regione Toscana e al suo esclusivo azionista da sempre, ovvero il Pd.
Andare a cercare Berlusconi mi pare frutto del clima carnevalesco e, comunque, è davvero ridicolo e mi chiedo se allora non gli conveniva, a Ceccarelli, dare la colpa agli astri oppure alle onde gravitazionali… Fuori di ironia, ci vuole coraggio per attribuire responsabilità a Berlusconi e Forza Italia in una regione egemonizzata dalla sinistra, dove si fanno opere, talvolta evitabili, trovando soldi e risorse. Ricordo poi a Ceccarelli che Berlusconi non è più al Governo da 5 anni, ma anche i campioni che si sono succeduti al suo posto non hanno fatto molto, mi pare.
Quindi, semplicemente, il raddoppio della ferrovia è un mantra che serve alla sinistra per sbarcare le elezioni, facendo contenti gli estremisti e gli ecologisti, salvo poi disattendere tutto nei fatti. Basta vedere cosa è accaduto alla Lucart, cosa succede ogni giorno ai pendolari. Lucca, come al solito, è penalizzata e se non ci fosse qualche fondazione, niente accadrebbe.
Volendo fare scaicallaggio politico, avremmo avuto decine di situazioni sulle quali montare una campagna di strumentalizzazione, con i treni sporchi, dove ci piove, che arrivano in perenne ritardo, che aprono le porte in corsa, con le stazioni chiuse e serrate. Non lo abbiamo fatto, sapendo che si tratta di un settore in ogni caso difficile da gestire.
Stavoltà, però, è diverso. Non potevamo tacere di fronte all’incuria e l’indifferenza che anche una nostra segnalazione, dettagliata e datata sei mesi fa, non è riuscita a smuovere. Chi ha ascoltato per anni prediche sul trasporto su rotaia e vede le ferrovie toscane ridotte in queste condizioni, non può tacere. Senza volere fare terrorismo, è bene dire che qui il rischio per gli occupanti dei treni che sono transitati in quella zona, ci sono stati.
Rossi e Ceccarelli ne sono responsabili, almeno lo ammettano.
Maurizio Marchetti, sindaco di Altopascio

Share