D

opo il successo ottenuto a Castelnuovo di Garfagnana ‘La Grande Guerra 1915-1918: Le cartoline militari d’epoca che raccontano gli anni della trincea’ approderà infatti in altri comuni della Garfagnana.

“Durante l’esposizione appena conclusa in sala Suffredini – spiega Pier Luigi Raggi, assessore all’Identità e alla storia della comunità locale di Castelnuovo di Garfagnana – sono stati centinaia i visitatori che hanno potuto riscoprire, grazie al materiale proposto, un periodo fondamentale per il nostro territorio e la nostra comunità. Ora, d’accordo con l’Unione dei Comuni, abbiamo deciso di riproporre la mostra anche in altri paesi della Garfagnana. E non è tutto, perchè con ogni probabilità verrà allestita anche a Dronero (Cuneo), città con la quale siamo gemellati da più di 40 anni. Siamo certi che anche altrove riscuoterà lo stesso interesse che ha suscitato a Castelnuovo”

La mostra, attraverso le cartoline inviate dai soldati e dai reggimenti in guerra, permette di ricostruire il periodo che va dalla fine dell’800 fino ai primi decenni del secolo scorso.

“Anni decisivi per l’identità della nostra comunità – afferma il sindaco di Castelnuovo, Andrea Tagliasacchi – e che ci permettono di riflettere su molti aspetti della nostra società contemporanea, attraverso le storie di uomini disposti a perdere la loro stessa vita per difendere i propri ideali e i propri valori”

Realizzata dal comune di Castelnuovo di Garfagnana insieme all’Unione dei Comuni della Garfagnana e con il sostegno degli istituti di credito e delle associazioni combattentistiche dell’Arma, la mostra è stata solo una delle iniziative che verranno realizzate a Castelnuovo di Garfagnana da qui al 2018 per celebrare il centenario dell’entrata in Guerra dell’italia contro l’impero austroungarico.

“L’obiettivo al termine di questo percorso – conclude Raggi – è quello di dare vita, nel 2018, a una sorta di Museo virtuale della Garfagnana”

 

Share